Attenzione: questo mese lo staff del sito è in vacanza! Il forum continuerà a funzionare ma risponderemo a eventuali richieste solo a fine mese.

Questo forum è soggetto a moderazione postuma dei messaggi, pertanto ogni utente si assume la responsabilità di quanto scrive. Lo staff ha la facoltà di rimuovere qualsiasi contenuto considerato inadatto. Per ulteriori informazioni: Regolamento del Forum

VIGDORCHIK Irina (All. ISR)

Cerca nel forum

29/05/2018 14:21 · VIGDORCHIK Irina (All. ISR)... VIGDORCHIK Irina (All. ISR) #390553
Avatar di molly1
584 post
Aiuto-moderatore
molly1
Aiuto-moderatore (584 post) Aiuto-moderatore

Apriamo un topic sulla famosa allenatrice responsabile della Nazionale israeliana che, nel bene e nel male, con la Viner-Usmanova, la Deryugina, e la Leparskaya è la quarta Irina a far muovere la ginnastica ritmica.


Traduzione dell’intervista concessa il 24.03.2018 da Irina Vigdorchik a Yulia Chepeleva, inviata di “Vesti”

Di lei si scrivono e si dicono molte cose, inoltre decisamente opposte. Una cosa è indiscutibile: il nome di Irina Vigdorchik è entrato per sempre nella storia dello sport israeliano. Intervista esclusiva a “Vesti”



Il nome di Irina Vigdorchik in Israele è conosciuto perfino da chi non si interessa affatto di ginnastica ritmica. La sua parodia in una delle più popolari trasmissioni satiriche ad alcuni ha fatto ridere, ad altri è dispiaciuta: provateci voi a conquistare per il Paese 23 medaglie e ad entrare fra i primi dieci ad un’Olimpiade!

Quello che non sapevate sulla Vigdorchik

Irina Vigdorchik è nata a Mosca nel 1964. Ha iniziato a praticare la ginnastica ritmica ancora nell’Unione Sovietica. A 15 anni è rimpatriata con i genitori in Israele. Nel 1980 la giovane Ira doveva gareggiare con la Nazionale di Israele alle Olimpiadi di Mosca, ma il viaggio è stato annullato per il boicottaggio.
La Vigdorchik si è laureata all’Istituto di Educazione Fisica e Sport “Wingate” (nei pressi di Netanya, N.d.T.) e a 23 anni è diventata allenatrice. Ha fondato la scuola di ginnastica ritmica di Holon, che è considerata la base della Nazionale israeliana.
Dal 2008 al 2016 ha coperto la carica di allenatrice responsabile della Nazionale israeliana di ginnastica ritmica. Nel 2017 è stata nuovamente eletta per questa mansione. Nel dicembre 2017 la Federazione di ginnastica ritmica ha destituito l’allenatrice dal suo lavoro, ma nel 2018 Irina ha ripreso il lavoro con la Nazionale.
Sotto la sua direzione le ginnaste hanno conquistato 23 medaglie in competizioni internazionali e si sono classificate al sesto posto alle Olimpiadi di Pechino.


La Nazionale e la sua allenatrice Irina Vigdorchik

“Quando dicevo che avremmo preso delle medaglie ridevano di me”

- Irina, prima del suo arrivo alla ginnastica ritmica questo sport in Israele praticamente non esisteva. E’ stato difficile cominciare da zero?
- Io amo molto questo sport e il nostro Paese. E ho sempre pensato che nel nostro Paese ci possano essere delle star della ginnastica di livello mondiale. Non siamo obbligati ad essere leader solo nell’ hi-tech, possiamo essere primi anche nella ginnastica ritmica. Per questo servono delle buone atlete, buone allenatrici, buone palestre.
Quando 32 anni fa sono arrivata allo sport e ho detto che volevo partecipare alle gare internazionali avremmo avuto delle medaglie, ridevano di me. Allora nel nostro club avevamo 15 ginnaste, ora sono 300. Oggi le atlete di Holon gareggiano ai campionati mondiali ed europei, alle Olimpiadi, portano medaglie. In linea di massima ho avverato tutti i miei sogni esclusa una medaglia olimpica.
- Adesso nei mezzi di comunicazione di massa israeliani non si scrive solo di calcio e basket, ma anche di ginnastica…
- L’interesse nei riguardi della ginnastica è cresciuto perché abbiamo cominciato a portare risultati. Lo scopo dello sport competitivo e di portare medaglie, far innalzare la bandiera della Nazione, non ci sono altri scopi. Un aumento dell’interesse è comparso dopo la medaglia d’oro che la nostra squadra ha conquistato ai Campionati Europei. Tanto più che questa gara si è svolta in Israele.
E naturalmente l’interesse viene mantenuto alto dal fatto che da ormai un anno e mezzo si scrive su di me, sia cose buone che cattive. Mi dicono che per numero di citazioni sui quotidiani sono seconda dopo Netanyahu. E’ come una telenovela, ogni settimana la gente apre il giornale, legge “l’hanno licenziata, non l’hanno licenziata, hanno gareggiato, non hanno gareggiato”.


Parodia di Irina Vgdorchik nella trasmissione “Anakhnu be mapa”.

Nel novembre del 2015 sugli schermi televisivi è uscita la trasmissione satirica “Anakhnu be mapa” (“Siamo sulla mappa”), che sotto forma di sketch umoristici racconta dei vari sport in Israele. Una delle eroine del programma è diventata l’allenatrice di ginnastica ritmica Zina Kirilenkov, che allena le ginnaste secondo le dure “leggi sovietiche dello sport”. Come hanno ammesso gli stessi creatori del programma, il prototipo per la creazione di questa eroina è stata Irina Vigdorchik.

- Di lei non si scrive soltanto, le fanno anche la parodia. Cosa ha pensato di questa trasmissione con la parodia su di lei?
- Ho dei reclami nei confronti dei creatori del programma che hanno fatto una satira disgustosa su di me e su tutta la ginnastica in generale.
Hanno messo in ridicolo le nostre medaglie. E’ mai possibile che sia un male che difendiamo l’onore del nostro Paese? Si sono attaccati al peso delle ginnaste, che c’entra il peso? Un peso consentito esiste in qualunque sport.
Hanno deriso la disciplina, che è indispensabile per lo sport, l’allenatrice, e ci hanno anche fatto i soldi. E’ una cosa molto brutta. Voglio fargli causa, voglio ripulire il mio nome. A proposito, hanno utilizzato delle mie citazioni per le quali nessuno mi ha pagato.
- Negli ultimi tempi ha troppi processi. Questa cosa non le impedisce di lavorare?
- Abbiamo avuto un anno molto pesante. Mi hanno dato questa squadra 6 mesi dopo il periodo prefissato, e hanno cominciato a pretendere da me cose impossibili, andare a fare le gare. Li ho avvisati che questo non sarebbe successo. Perfino nel mio contratto c’è scritto che soltanto io decido quali gare andiamo a fare.


Rakheli Vigdorchik lavora con la Nazionale di ginnastica ritmica.

- Nel 2017 sua figlia Rakheli Vigdorchik è stata designata seconda allenatrice della squadra nazionale israeliana di ginnastica ritmica. Adesso vi state preparando attivamente per il Grand Prix di Holon e i Campionati Europei in Spagna. E’ difficile lavorare con sua figlia?
- Il regalo più grande che ho ricevuto in questo periodo è lavorare con mia figlia. Lei conosce tutto di me, della ginnastica, delle gare d’insieme, crea programmi meravigliosamente bene, capisce quello che voglio.
- Lei non ha cercato di dissuaderla dalla ginnastica?
- Lei è cresciuta in palestra, l’ho portata in palestra a tre giorni dalla nascita. Lei non voleva, io l’ho trascinata lì con tutte le mie forze, lei strillava “non voglio”, io la costringevo. Oltre alle doti esteriori Rakheli aveva tutte le qualità di un’atleta. Era molto portata per la danza, ma con nessuna dote per la ginnastica ritmica. Semplicemente in lei si è rivelata la capacità di farsi coinvolgere dallo sport. In seguito ne ha preso coscienza ed è diventata una grande ginnasta.
In realtà cos’è importante per un atleta? Ci sono dei criteri sulla base dei quali vengono scelti i ragazzi per lo sport di alto livello. Devono essere un po’ flemmatici, questo permette all’allenatore di portarli al risultato desiderato.



- Irina, tutti la conoscono come una donna molto forte e volitiva. Ma chi è Irina Vigdorchik, mamma di tre figli e nonna? Ha delle debolezze?
- Solo a pochi mi mostro come sono veramente, perché sono circondata da persone che non devono sapere di me, delle mie debolezze, dei miei difetti. Io sono più un’allenatrice che una donna. Benché adesso io abbia un nuovo amore e abbia imparato cosa vuol dire essere una vera donna.

29/05/2018 14:24 · VIGDORCHIK Irina (All. ISR)... VIGDORCHIK Irina (All. ISR) #390554
Avatar di molly1
584 post
Aiuto-moderatore
molly1
Aiuto-moderatore (584 post) Aiuto-moderatore

Traduzione intervista da “Vesti” 10.04.2018

Irina Vigdorchik, che la Federazione di ginnastica ritmica ha tentato di estromettere dalla Nazionale, ha ricevuto un invito dalla Russia. Irina Viner-Usmanova, Presidente della Federazione russa, ha invitato la famosa tecnica israeliana a lavorare a Mosca, ma lei ha rifiutato.



Nell’intervista in pubblicazione martedì 10 aprile la Vigdorchik ha anche detto agli inviati Ynet Nadav Tsentsiper e Raz Shekhnik di aver ricevuto inviti simili anche da altri Paesi. Tuttavia, come dice, preferisce lavorare in Israele nonostante tutte le difficoltà. “Il prestigio della Nazione ebraica per me resta la cosa più importante”, ha spiegato.
“Posso guadagnare molto di più lavorando all’estero o in una società privata. Ma non si tratta di soldi. Io non ho nessuna voglia di vedere come in onore della vittoria si alza un’altra bandiera e non quella israeliana. E’ una cosa che non mi piace affatto” ha detto Irina.
Secondo Irina Vigdorchik, i guai con la dirigenza della Federazione sono iniziati dopo che lei ha proposto di rinnovare la formazione della squadra dopo le Olimpiadi di Rio.
“Sì, ho scelto delle ginnaste inesperte che non potevano dare un risultato immediato. Ma stavo lavorando in prospettiva” ha chiarito la Vigdorchik. Capisco quanto questo passo fosse rischioso e quale era la mia responsabilità davanti al Paese. Mi sono assunta questo rischio.
L’allenatrice dice che il rinnovo della formazione è un processo naturale che viene praticato in tutti i Paesi. Per Israele, con la sua limitata riserva di atlete promettenti e le poche risolse materiali questo processo è particolarmente doloroso.
“Negli altri Paesi le ginnaste vengono portate ai risultati più alti per molti anni. E vengono pagate di conseguenza. In Israele le principali atlete guadagnano 6000-7000 sheqel (attorno ai 1450-1700€ al cambio attuale, N.d.T.) al mese, e non ricevono una pensione neanche i vincitori di medaglie olimpiche” chiarisce l’allenatrice.
Irina Vigdorchik esprime il suo rammarico per questa situazione dello sport israeliano. Secondo lei questo accade anche per il fatto che lo sport è diretto da funzionari assolutamente lontani dalle mansioni che vengono loro affidate “In Israele ci sono non pochi specialisti professionali e di alta qualità, ma è indispensabile dare agli allenatori la possibilità di lavorare. E’ necessario dare loro uno status, uno stipendio e diritti adeguati” sottolinea.

29/05/2018 19:36 · VIGDORCHIK Irina (All. ISR)... VIGDORCHIK Irina (All. ISR) #390563
Avatar di R_R
11 post
Nuovo iscritto
R_R
Nuovo iscritto (11 post) Nuovo iscritto

Grazie mille per le interviste, sono davvero interessanti!

Forse ho perso qualcosa in traduzione (io uso il traduttore di Google perché sfortunatamente non parlo italiano).
Mi stavo chiedendo come sia possibile competere alle Olimpiadi di Mosca del 1980 perché ritmato era alle Olimpiadi la prima volta nel 1984.
O era la ginnastica ritmica a Mosca come dimostrazione sportiva (Demonstration Sport)?

30/05/2018 13:42 · VIGDORCHIK Irina (All. ISR)... VIGDORCHIK Irina (All. ISR) #390574
Avatar di molly1
584 post
Aiuto-moderatore
molly1
Aiuto-moderatore (584 post) Aiuto-moderatore

R_R, hai perfettamente ragione! La ritmica è entrata nel programma dei Giochi Olimpici nel 1984. E non ho trovato neanche notizia che nel 1980 fosse presente come sport dimostrativo. Eppure in tutte le note biografiche sulla Vigdorchik si fa riferimento alla sua mancata partecipazione a quelli del 1980 a causa del boicottaggio. Una leggenda? Qualcuno ne sa di più?


Piace a: R_R
30/05/2018 15:29 · VIGDORCHIK Irina (All. ISR)... VIGDORCHIK Irina (All. ISR) #390579
Avatar di Ettore
1689 post
Utente master
Ettore
Utente master (1689 post) Utente master

probabilmente, ragionando col buon senso (non che al CIO il buon senso sia sempre apprezzato) avevano fatto un torneo parallelo esemplificativo, senza le caratteristiche sufficienti per essere considerato sport dimostrativo. Mi immagino qualcosa del tipo che non c'erano abbastanza nazioni o abbastanza continenti… mi sembra che anche per gli sport dimostrativi ci siano delle regole rigide.
Effettivamente Mosca 80 sembra un po' il posto ideale dove far "iniziare" la ritmica olimpica

A Pechino mi ricordo che per una "nuova" arte marziale cinese avevano fatto un torneo, ma senza indicarla come dimostrativa
(o magari si è inventata tutto perché è una matta sociopatica)

30/05/2018 16:55 · VIGDORCHIK Irina (All. ISR)... VIGDORCHIK Irina (All. ISR) #390582
Avatar di R_R
11 post
Nuovo iscritto
R_R
Nuovo iscritto (11 post) Nuovo iscritto

Sì, è affermato in Wikipedia (che non possiamo mai fidare al 100% in ogni caso ...) che a Mosca non esistevano dimostrazioni sportive. Comunque hai ragione che le Olimpiadi di Mosca sarebbero state un luogo perfetto per introdurre la ginnastica ritmica a un pubblico più ampio, quindi avrebbe avuto senso organizzare un torneo parallelo, anche non ufficiale, allo stesso tempo.

(Io non contribuisco al forum come il mio italiano è inesistente ma lo leggo tutti i giorni e Ettore devo dire che sei sempre meraviglioso)

29/05/2019 07:21 · VIGDORCHIK Irina (All. ISR)... VIGDORCHIK Irina (All. ISR) #410437
Avatar di Ettore
1689 post
Utente master
Ettore
Utente master (1689 post) Utente master

www.ynet.co.il/articles/0,7340,L-5516424,00.html

Intervista di questi giorni, in cui dice, col suo solito stile diretto, che:

  • E' difficile trovare ginnaste disposte ad impegnarsi perché in Israele si sta troppo bene, non come quando lei si allenava in Russia
  • Nel suo contratto con la federazione c'è un articolo che le impedisce di parlare (male?) della federazione
    bisognerebbe dare una pensione statale agli allenatori
  • Ha vinto una causa in tribunale contro ginnaste e genitori che la accusavano di abusi
  • Le polemiche hanno causato una interruzione degli allenamenti per 10 giorni, MOTIVO PER CUI a Rio non hanno preso medaglie
  • Lei sceglie musiche che piacciono al pubblico dei palazzetti, quindi i giudici influenzati (e, presumo, più portati a giudicare favorevolmente)
  • Non le piace assolutamente l'imitazione che le fanno in un noto programma comico, perché porta avanti l'idea che pesare un'atleta sia un abuso.

29/05/2019 09:14 · VIGDORCHIK Irina (All. ISR)... VIGDORCHIK Irina (All. ISR) #410439
Avatar di JOJO ⚡
931 post
Utente esperto
JOJO ⚡
Utente esperto (931 post) Utente esperto

Beh dai, un bel caratterino...

Per scrivere sul forum devi essere iscritto: fai il login oppure registrati!

Beatrice Vivaldi

itenfrderues