Questo forum è soggetto a moderazione postuma dei messaggi, pertanto ogni utente si assume la responsabilità di quanto scrive. Lo staff ha la facoltà di rimuovere qualsiasi contenuto considerato inadatto. Per ulteriori informazioni: Regolamento del Forum

KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta

Cerca nel forum

09/03/2016 21:36 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #352962
Avatar di bootybea
228 post
Utente bloccato
bootybea
Utente bloccato (228 post) Utente bloccato

Congratulazioni

10/03/2016 10:18 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #352976
Avatar di ashe
328 post
Utente
ashe
Utente (328 post) Utente

ma quante risorse ha questa donna?!!

02/06/2016 22:33 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #356379
Avatar di WaitASecond
1942 post
Utente master
WaitASecond
Utente master (1942 post) Utente master

Festival Alina 2016 :fiesta:



:video: m.vk.com/video-45795948_456239773?list=bd1293b4d7e...948_168979

Verrà trasmesso domenica 5 giugno alle 12:20 (ora di Mosca) sul canale televisivo Russia 1 !

:doc: :whistle: www.beatricevivaldi.com/ginnastica_ritmica/forum/n...tml#356574

20/02/2017 15:33 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #366803
Avatar di ForzaYana05
2200 post
Utente master
ForzaYana05
Utente master (2200 post) Utente master



Secondo questo recente video Alina Kabaeva è la più grande ginnasta di tutti i tempi, davanti a Margarita Mamun (♥) ed Evgeniya Kanaeva e un pari merito di Yana Kudryavtseva (♥) e Anastasia Bliznyuk!

20/02/2017 19:46 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #366830
Avatar di TheLeananSidhe
1783 post
Aiuto-moderatore
TheLeananSidhe
Aiuto-moderatore (1783 post) Aiuto-moderatore

Non è neanche un po' di parte questo video eh ::P:

20/02/2017 20:45 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #366836
Avatar di ForzaYana05
2200 post
Utente master
ForzaYana05
Utente master (2200 post) Utente master

Ma và... Cosa te lo fa pensare?????

20/02/2017 22:40 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #366848
Avatar di Ettore
1647 post
Utente master
Ettore
Utente master (1647 post) Utente master

Curiosità: nel 2013 dichiarava di non avere figli, nemmeno i 2 (Dimitri e... non ricordo) "ufficiali".

http://7days.ru/news/alina-kabaeva-detey-u-menya-net.htm

Sarò strano io... ma questa qui mi pare più fuori di testa di Viner (perfino).

21/04/2017 18:00 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #370270
Avatar di Ettore
1647 post
Utente master
Ettore
Utente master (1647 post) Utente master

12/05/2017 21:48 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #371806
Avatar di paolaginnasta
3731 post
Aiuto-moderatore
paolaginnasta
Aiuto-moderatore (3731 post) Aiuto-moderatore

Tanti auguri a un mito indiscusso della ginnastica ritmica!!

12/05/2017 22:30 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #371809
Avatar di ForzaYana05
2200 post
Utente master
ForzaYana05
Utente master (2200 post) Utente master

Auguri a una delle più grandi ginnaste!!!! :fiesta: :gift: :cake:

13/05/2017 10:05 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #371828
Avatar di Marty2611
781 post
Utente
Marty2611
Utente (781 post) Utente

Tanti auguri(in ritardo) :fiesta:

15/05/2017 13:58 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #371996
Avatar di molly1
584 post
Aiuto-moderatore
molly1
Aiuto-moderatore (584 post) Aiuto-moderatore

Traduzione dell’intervista di Natalya Maryanchik ad Irina Viner in occasione del compleanno di Alina Kabaeva, pubblicata su “Sport-Express.ru” il 12 maggio 2017.



Al recente festival di ginnastica ritmica “Alina”, che si è svolto a Mosca all’inizio di maggio, Irina Viner-Usmanova e Alina Kabaeva erano sedute fianco a fianco. La migliore allenatrice di tutti i tempi e Paesi e la sua migliore allieva, in toilettes abbaglianti, nella luce degli spot, in prima fila. Nei dieci anni trascorsi dopo il ritiro della Kabaeva, la Viner-Usmanova ha avuto ginnaste anche più titolate (ad esempio la due volte campionessa olimpica Evgeniya Kanaeva). Ma non ne è comparsa nessuna paragonabile alla Kabaeva per energia. Non per nulla Irina Aleksandrovna definisce il suo merito principale non tanto l’oro olimpico quanto l’enorme popolarità che insieme sono riuscite a regalare alla ginnastica ritmica.
Al festival di beneficenza “Alina” sono salite sul palcoscenico più di cinquecento giovani ginnaste. Ed è soltanto una piccola parte di quelle decine di migliaia di bambine che ogni giorno si allenano in tutto il Paese. Moltissime di loro sono arrivate in palestra con i loro genitori proprio sotto l’impressione delle fenomenali esibizioni in pedana della stessa Kabaeva.
- Irina Aleksandrovna, quali sono le sue impressioni dopo aver visto tutto il programma del Festival? – E’ la prima domanda alla Viner-Usmanova.
- Io ho visto tutti e nove gli spettacoli, non si possono chiamare semplicemente “festival”, che ha organizzato Alina in questi anni. Ogni volta lei cerca di trovare la quintessenza di ciò che è necessario oggi. Abbiamo molto bisogno della nostra storia, delle nostre fiabe, che i bambini, purtroppo, adesso quasi non leggono più. Grazie ad Alina tutto il mondo ha visto quanto sono meravigliosi la letteratura russa e gli eroi delle nostre fiabe. Come sono positivi, abili, pieni di amore e capaci di fare miracoli. Ed hanno dato loro vita sul palcoscenico i migliori gruppi di ginnastica di tutta la Russia. Le bambine si sono esibite davanti a persone di levatura assolutamente eccezionale come Valentina Tereshkova (cosmonauta, prima donna ad andare nello spazio, N.d.T.), Armen Dzhigarkhanyan (attore teatrale e cinematografico, N.d.T.) e molti altri. Perfino i campionati del mondo di ginnastica ritmica e le Olimpiadi non riescono neanche lontanamente a raccogliere sempre un pubblico così rappresentativo. Invece allo spettacolo di Alina la gente viene. Vengono per la colossale carica di energia positiva che possono apportare solo i bambini.
- Visto che abbiamo iniziato a parlare di bambini, ricordiamo Alina Kabaeva bambina undicenne di Tashkent. Come le è apparsa quando l’ha vista per la prima volta in pedana?
- Secondo le concezioni attuali allora Alina era già grande. Ad 11 anni adesso da noi le bambine gareggiano ai tornei internazionali. Inizialmente avevo forti dubbi sulla sua futuribilità. Ma quando ha iniziato a muoversi ho capito che sarebbe diventata una star. E letteralmente sei mesi dopo ho fatto venire la sua mamma da Tashkent. Perché ogni bambina ha bisogno della mamma, e una star ancora di più.
- In un’intervista lei ha detto che nella piccola Kabaeva l’hanno colpita non tanto gli elementi ginnici, quanto il suo sorriso.
- In realtà mi ha colpito tutto. Io ho molta fantasia e talvolta le proponevo di fare in pedana cose assolutamente incredibili. E lei non solo le faceva, ma le faceva con il sorriso. Guardandola non si capiva mai se stava male o era felice. Talvolta per lei era molto dura ma il suo sorriso hollywoodiano non spariva comunque. E questo dava a lei e a me la possibilità di non fermarci e di lavorare ancora di più.
- Lei ha rapporti amichevoli con la mamma di Alina, Lyubov’ Mikhailovna. Quanto è stato difficile allenare la figlia di una propria amica?
- I genitori di Alina sono persone speciali. Il papà è un famoso calciatore e la mamma posso definirla una mia sorella. Penso che con Alina non avremmo mai ottenuto così tanto se non ci fosse stata la sua mamma. Si può dire che abbiamo cresciuto la figlia insieme. Qualche volta addirittura ci confondevamo su chi fosse l’allenatrice e chi la mamma. Era tutto talmente intrecciato che siamo davvero diventate come dello stesso sangue.
- Possibile che non abbiate mai avuto conflitti?
- In alcuni periodi è stato molto duro. Soprattutto quando Alina ha attraversato il periodo della pubertà, della formazione del carattere. Ma insieme abbiamo superato tutto, siamo passate attraverso prove molto difficili, che il Signore dà solo alle persone molto forti. E il merito principale del nostro successo è della stessa Alina. Il suo talento, il suo sorriso come il sole e soprattutto quella carica interiore ugualmente solare le hanno permesso di ottenere tutto quello che ha ottenuto.
- Lacrime, crisi isteriche durante gli allenamenti probabilmente ci saranno state?
- C’è stato di tutto. Qualche volta Alina piangeva. Talora semplicemente stava seduta imbronciata. Ma alla fine nel suo cuore ha sempre trionfato l’amore per la ginnastica ritmica. Ed anche il rendersi conto del fatto che lei è nata per essere e doveva per forza diventare una stella.
- Che bambina era Alina? Forse lei ricorda il suo giocattolo preferito o per che cosa sono stati spesi i suoi primi premi in denaro?
- Lei ha sempre amato essere al centro dell’attenzione. Aveva bisogno che le persone la ammirassero. Penso che i primi premi in denaro li abbia spesi per delle cose belle. Alina ha sempre amato i vestiti eleganti. A suo tempo, quando non c’era ancora la possibilità, io stessa cercavo di trovare qualcosa per vestirla. Inoltre Alina ha sempre sognato che i suoi genitori avessero un loro appartamento. Grazie ai suoi risultati è riuscita ad ottenerlo.
- Meraviglia che nell’introduzione al festival Alina abbia utilizzato non solo i momenti delle vittorie, ma anche l’episodio del cerchio perso ai Giochi Olimpici di Sidney del 2000.
- Non c’è nulla di cui meravigliarsi. E’ stata una di quelle prove alle quali era destino che lei ed io dovessimo essere sottoposte. Dopo quella perdita, quell’insuccesso, benché per molti non sia neanche un insuccesso, perché comunque è arrivata sul podio, Alina ha trovato in sé le forze dopo molti anni di ricordare questo episodio a tutto il mondo. E’ un esempio di come, perfino dopo essere caduta, una persona può rialzarsi e salire ancora più in alto di prima.
- In realtà proprio durante la favolosa carriera della Kabaeva è avvenuta la svolta con la quale la ginnastica ritmica da sport di nicchia si è trasformata in uno degli sport più popolari?
- Secondo le statistiche adesso è uno dei tre sport più spettacolari e frequentati ai Giochi Olimpici. E siamo riusciti ad ottenere questo proprio nel periodo in cui gareggiavano Alina, Ira Chashina, Yulya Barsukova…E particolarmente significativa qui è stata Alina. Lei ed io abbiamo preso la ginnastica ritmica e l’abbiamo rivoltata da capo a piedi. Siamo riuscite a creare qualcosa di meravigliosamente bello di cui si sono innamorate migliaia, milioni di persone in tutto il mondo.
- Quale augurio vorrebbe esprimere alla sua allieva preferita per il suo compleanno?
- Alina è una persona molto creativa, ha un enorme potenziale, e io desidero augurarle il successo proprio in campo artistico. Di qualunque cosa lei si occupi, televisione o qualunque altra cosa, le auguro di divulgare di più la letteratura, i canti, le danze, la ginnastica della Russia…Tutto ciò che abbiamo visto sotto la forma del magnifico spettacolo al suo festival. Creando simili rappresentazioni, Alina effettivamente realizza se stessa. Dio le ha dato la capacità di inventare e realizzare la propria favola. Che questo sia d’esempio, come lottare e vincere, sia per Alina stessa che per tutti gli altri.

05/07/2017 13:54 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #374773
Avatar di WaitASecond
1942 post
Utente master
WaitASecond
Utente master (1942 post) Utente master

:video: Kabaeva a 17 anni: before they were superstars

05/07/2017 15:09 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #374777
Avatar di Saponetta
437 post
Utente
Saponetta
Utente (437 post) Utente

molly1 ha scritto: Traduzione dell’intervista di Natalya Maryanchik ad Irina Viner in occasione del compleanno di Alina Kabaeva, pubblicata su “Sport-Express.ru” il 12 maggio 2017.



Al recente festival di ginnastica ritmica “Alina”, che si è svolto a Mosca all’inizio di maggio, Irina Viner-Usmanova e Alina Kabaeva erano sedute fianco a fianco. La migliore allenatrice di tutti i tempi e Paesi e la sua migliore allieva, in toilettes abbaglianti, nella luce degli spot, in prima fila. Nei dieci anni trascorsi dopo il ritiro della Kabaeva, la Viner-Usmanova ha avuto ginnaste anche più titolate (ad esempio la due volte campionessa olimpica Evgeniya Kanaeva). Ma non ne è comparsa nessuna paragonabile alla Kabaeva per energia. Non per nulla Irina Aleksandrovna definisce il suo merito principale non tanto l’oro olimpico quanto l’enorme popolarità che insieme sono riuscite a regalare alla ginnastica ritmica.
Al festival di beneficenza “Alina” sono salite sul palcoscenico più di cinquecento giovani ginnaste. Ed è soltanto una piccola parte di quelle decine di migliaia di bambine che ogni giorno si allenano in tutto il Paese. Moltissime di loro sono arrivate in palestra con i loro genitori proprio sotto l’impressione delle fenomenali esibizioni in pedana della stessa Kabaeva.
- Irina Aleksandrovna, quali sono le sue impressioni dopo aver visto tutto il programma del Festival? – E’ la prima domanda alla Viner-Usmanova.
- Io ho visto tutti e nove gli spettacoli, non si possono chiamare semplicemente “festival”, che ha organizzato Alina in questi anni. Ogni volta lei cerca di trovare la quintessenza di ciò che è necessario oggi. Abbiamo molto bisogno della nostra storia, delle nostre fiabe, che i bambini, purtroppo, adesso quasi non leggono più. Grazie ad Alina tutto il mondo ha visto quanto sono meravigliosi la letteratura russa e gli eroi delle nostre fiabe. Come sono positivi, abili, pieni di amore e capaci di fare miracoli. Ed hanno dato loro vita sul palcoscenico i migliori gruppi di ginnastica di tutta la Russia. Le bambine si sono esibite davanti a persone di levatura assolutamente eccezionale come Valentina Tereshkova (cosmonauta, prima donna ad andare nello spazio, N.d.T.), Armen Dzhigarkhanyan (attore teatrale e cinematografico, N.d.T.) e molti altri. Perfino i campionati del mondo di ginnastica ritmica e le Olimpiadi non riescono neanche lontanamente a raccogliere sempre un pubblico così rappresentativo. Invece allo spettacolo di Alina la gente viene. Vengono per la colossale carica di energia positiva che possono apportare solo i bambini.
- Visto che abbiamo iniziato a parlare di bambini, ricordiamo Alina Kabaeva bambina undicenne di Tashkent. Come le è apparsa quando l’ha vista per la prima volta in pedana?
- Secondo le concezioni attuali allora Alina era già grande. Ad 11 anni adesso da noi le bambine gareggiano ai tornei internazionali. Inizialmente avevo forti dubbi sulla sua futuribilità. Ma quando ha iniziato a muoversi ho capito che sarebbe diventata una star. E letteralmente sei mesi dopo ho fatto venire la sua mamma da Tashkent. Perché ogni bambina ha bisogno della mamma, e una star ancora di più.
- In un’intervista lei ha detto che nella piccola Kabaeva l’hanno colpita non tanto gli elementi ginnici, quanto il suo sorriso.
- In realtà mi ha colpito tutto. Io ho molta fantasia e talvolta le proponevo di fare in pedana cose assolutamente incredibili. E lei non solo le faceva, ma le faceva con il sorriso. Guardandola non si capiva mai se stava male o era felice. Talvolta per lei era molto dura ma il suo sorriso hollywoodiano non spariva comunque. E questo dava a lei e a me la possibilità di non fermarci e di lavorare ancora di più.
- Lei ha rapporti amichevoli con la mamma di Alina, Lyubov’ Mikhailovna. Quanto è stato difficile allenare la figlia di una propria amica?
- I genitori di Alina sono persone speciali. Il papà è un famoso calciatore e la mamma posso definirla una mia sorella. Penso che con Alina non avremmo mai ottenuto così tanto se non ci fosse stata la sua mamma. Si può dire che abbiamo cresciuto la figlia insieme. Qualche volta addirittura ci confondevamo su chi fosse l’allenatrice e chi la mamma. Era tutto talmente intrecciato che siamo davvero diventate come dello stesso sangue.
- Possibile che non abbiate mai avuto conflitti?
- In alcuni periodi è stato molto duro. Soprattutto quando Alina ha attraversato il periodo della pubertà, della formazione del carattere. Ma insieme abbiamo superato tutto, siamo passate attraverso prove molto difficili, che il Signore dà solo alle persone molto forti. E il merito principale del nostro successo è della stessa Alina. Il suo talento, il suo sorriso come il sole e soprattutto quella carica interiore ugualmente solare le hanno permesso di ottenere tutto quello che ha ottenuto.
- Lacrime, crisi isteriche durante gli allenamenti probabilmente ci saranno state?
- C’è stato di tutto. Qualche volta Alina piangeva. Talora semplicemente stava seduta imbronciata. Ma alla fine nel suo cuore ha sempre trionfato l’amore per la ginnastica ritmica. Ed anche il rendersi conto del fatto che lei è nata per essere e doveva per forza diventare una stella.
- Che bambina era Alina? Forse lei ricorda il suo giocattolo preferito o per che cosa sono stati spesi i suoi primi premi in denaro?
- Lei ha sempre amato essere al centro dell’attenzione. Aveva bisogno che le persone la ammirassero. Penso che i primi premi in denaro li abbia spesi per delle cose belle. Alina ha sempre amato i vestiti eleganti. A suo tempo, quando non c’era ancora la possibilità, io stessa cercavo di trovare qualcosa per vestirla. Inoltre Alina ha sempre sognato che i suoi genitori avessero un loro appartamento. Grazie ai suoi risultati è riuscita ad ottenerlo.
- Meraviglia che nell’introduzione al festival Alina abbia utilizzato non solo i momenti delle vittorie, ma anche l’episodio del cerchio perso ai Giochi Olimpici di Sidney del 2000.
- Non c’è nulla di cui meravigliarsi. E’ stata una di quelle prove alle quali era destino che lei ed io dovessimo essere sottoposte. Dopo quella perdita, quell’insuccesso, benché per molti non sia neanche un insuccesso, perché comunque è arrivata sul podio, Alina ha trovato in sé le forze dopo molti anni di ricordare questo episodio a tutto il mondo. E’ un esempio di come, perfino dopo essere caduta, una persona può rialzarsi e salire ancora più in alto di prima.
- In realtà proprio durante la favolosa carriera della Kabaeva è avvenuta la svolta con la quale la ginnastica ritmica da sport di nicchia si è trasformata in uno degli sport più popolari?
- Secondo le statistiche adesso è uno dei tre sport più spettacolari e frequentati ai Giochi Olimpici. E siamo riusciti ad ottenere questo proprio nel periodo in cui gareggiavano Alina, Ira Chashina, Yulya Barsukova…E particolarmente significativa qui è stata Alina. Lei ed io abbiamo preso la ginnastica ritmica e l’abbiamo rivoltata da capo a piedi. Siamo riuscite a creare qualcosa di meravigliosamente bello di cui si sono innamorate migliaia, milioni di persone in tutto il mondo.
- Quale augurio vorrebbe esprimere alla sua allieva preferita per il suo compleanno?
- Alina è una persona molto creativa, ha un enorme potenziale, e io desidero augurarle il successo proprio in campo artistico. Di qualunque cosa lei si occupi, televisione o qualunque altra cosa, le auguro di divulgare di più la letteratura, i canti, le danze, la ginnastica della Russia…Tutto ciò che abbiamo visto sotto la forma del magnifico spettacolo al suo festival. Creando simili rappresentazioni, Alina effettivamente realizza se stessa. Dio le ha dato la capacità di inventare e realizzare la propria favola. Che questo sia d’esempio, come lottare e vincere, sia per Alina stessa che per tutti gli altri.


Io mi sono quasi commossa con questa intervista. Credo che la Kabaeva sia l'unica ginnasta a che abbia davvero fatto breccia nella Viner. Le ha detto delle cose dolcissime


Piace a: ForzaYana05
27/01/2018 16:41 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #384365
Avatar di Ettore
1647 post
Utente master
Ettore
Utente master (1647 post) Utente master

15/05/2019 23:10 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #408989
Avatar di Beatrice
19159 post
Amministratore
Beatrice
Amministratore (19159 post) Amministratore

Sembra che il 7 maggio Alina abbia dato alla luce due gemelli, due maschietti! Ignota come sempre l'identità del padre...

pomada.cc/article/15280/smi-soobshhajut-o-rodah-aliny-kabaevojj

Come è noto ai giornalisti, Alina Kabaeva ha dato alla luce due gemelli a Mosca. Mentre i rappresentanti degli atleti preferiscono non commentare queste informazioni.

I media hanno riferito che il 7 maggio il celebre atleta ha dato alla luce due gemelli al Centro di Kulakov per l'ostetricia e la ginecologia a Mosca. Per Kabaeva fu assegnata una camera VIP al quarto piano. Secondo gli addetti ai lavori, le restanti donne partorienti sono state trasferite ad altri dipartimenti. C'erano numerose guardie del corpo in servizio vicino al reparto della stella, che non lasciavano entrare gli estranei.


Piace a: marcuz
16/05/2019 05:24 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #408995
Avatar di koccinena
3298 post
Aiuto-moderatore
koccinena
Aiuto-moderatore (3298 post) Aiuto-moderatore

Beatrice ha scritto: che non lasciavano entrare gli estranei.</p>


Ed è subito game of thrones.


Piace a: TheLeananSidhe, Fantasy, marcuz, c@nterina, alessixcas
16/05/2019 21:14 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #409124
Avatar di marcuz
369 post
Utente
marcuz
Utente (369 post) Utente

Se non erro, l'altra volta era andata a partorire in Svizzera.
Certo che tutta questa riservatezza, le guardie e il trasferimento delle altre donne, fa capire ancor di più che l'ipotetico padre sia Putin, oppure il misterioso Marco Caltagirone :lol: :lol: :lol: :P


Piace a: Amanda, BlueLife, Vitaritmica, Filosena, alessixcas
16/05/2019 21:44 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #409130
Avatar di JOJO ⚡
760 post
Utente
JOJO ⚡
Utente (760 post) Utente

Mi fa molto ridere questa segretezza, dev'esserci un traffico di cicogne a casa Kabaeva... :lol:


Piace a: marcuz
16/05/2019 21:46 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #409131
Avatar di Filosena
1331 post
Utente master
Filosena
Utente master (1331 post) Utente master

JOJO ⚡ ha scritto: Mi fa molto ridere questa segretezza, dev'esserci un traffico di cicogne a casa Kabaeva... :lol:

Io avrei detto traffico di un'altra cosa, ma mi trattengo :lol:


Piace a: Amanda, marcuz, Marty2611
21/05/2019 11:59 · KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta... KABAEVA Alina (RUS) 12/05/1983 ex ginnasta #410119
Avatar di dasha2015
160 post
Utente
dasha2015
Utente (160 post) Utente

Per scrivere sul forum devi essere iscritto: fai il login oppure registrati!

Beatrice Vivaldi

itenfrderues