itenfrderues
 

Questo forum è soggetto a moderazione postuma dei messaggi, pertanto ogni utente si assume la responsabilità di quanto scrive. Lo staff ha la facoltà di rimuovere qualsiasi contenuto considerato inadatto. Per ulteriori informazioni: Regolamento del Forum

MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995

Cerca nel forum

20/11/2017 20:12 · MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995... MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995 #382879
Avatar di Ettore
1072 post
Utente esperto
Ettore
Utente esperto (1072 post) Utente esperto

20/11/2017 20:20 · MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995... MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995 #382881
Avatar di ForzaYana05
1536 post
Utente master
ForzaYana05
Utente master (1536 post) Utente master

01/12/2017 16:26 · MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995... MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995 #383148
Avatar di ForzaYana05
1536 post
Utente master
ForzaYana05
Utente master (1536 post) Utente master

www.ginnasticaritmicaitaliana.it/2017/11...amun-over-the-limit/

Forza e delicatezza: questa è la storia di Rita Mamun

Marta Prus è una regista polacca, nata e cresciuta a Varsavia dove, da bambina, ha praticato ginnastica ritmica. Una disciplina che, come lei stessa afferma, le è rimasta nel cuore. E da questa profonda passione nasce l’idea di raccontare la storia di una fra le più grandi atlete degli ultimi anni: Margarita “Rita” Mamun, diventata nel 2016 Campionessa olimpica a Rio de Janeiro. Marta che ha iniziato a seguire la storia di Rita cinque anni fa, non poteva sapere che – la sua – sarebbe stata una storia a lieto fine, coronata dalla medaglia più preziosa.

Di seguito la nostra intervista esclusiva all’autrice di “Over the limit”, il documentario presentato all’International Documentary Festival di Amsterdam.

Come hai deciso di raccontare una storia dedicata alla ginnastica ritmica?
“Anch’io sono stata una ginnasta ritmata e questo sport è parte della mia identità. Dalla mia passione è nata l’idea di realizzare il film. Ci sono sogni, arte, sacrifici, e duro lavoro nella ginnastica. In “Over the Limit” tutto questo è espresso all’ennesima potenza, perché alla fine Rita si è preparata e ha conquistato un oro olimpico. Questa è un po’ la metafora della vita”.

Qual è stata la cosa più difficile da raccontare?
“Sicuramente la malattia del padre di Rita (morto qualche giorno dopo la vittoria dell’oro olimpico ndr). Ho cercato di rispettare la riservatezza della famiglia, cercando di raccontarla nel modo più delicato possibile.

Un film senza censure, dove già dal trailer emerge il lato più duro di questo sport: la disciplina, il grande sacrificio, il forte temperamento di Irina Viner. Un film senza filtri. Come ti sei approcciata a questa realtà e qual è stata la chiave per raccontarla nel modo migliore?
“Irina Viner è l’allenatrice più intelligente per me. Lei sa come avvicinarsi a ciascuna ginnasta. Il modo in cui la vedete nel film è assolutamente reale. È il modo in cui Rita aveva bisogno di essere allenata. La rispettavo e lei faceva lo stesso con me. Non c’è stata alcuna censura; c’è stata fin dall’inizio, rispetto reciproco. Sono davvero felice che le sia piaciuto il film. Mi ha detto che racconta e descrive davvero la realtà. Questo per me è un bellissimo complimento”.

C’è qualcosa che avresti voluto raccontare nel film e che non hai potuto fare?
“Il cinema è un processo lungo. Ho lavorato a questo film per quasi cinque anni. Durante questo periodo ho avuto molte idee per la storia, e ho dovuto assecondare le varie vicissitudini della carriera di Rita. Alla fine non rimpiango nulla. Sono contenta che il film sia complesso e descrittivo”.

Pensi che il tuo documentario verrà distribuito nelle sale, o su qualche piattaforma come Netflix?
“Ci sono buone possibilità di vederlo nelle sale, ma non c’è ancora nulla di sicuro. Per ora solo la World Première di Amsterdam. Seguite la pagina ufficiale del film su Facebook, dove ci saranno certamente informazioni in merito”.

Cosa pensi della ginnastica ritmica?
“Penso che sia una bellissima combinazione tra arte e sport, molto femminile sinergia tra delicatezza e forza. Il mio film vuole raccontare proprio questo: la delicatezza e la forza di tre grandi donne: Rita, Irina e Amina (Zaripova, allenatrice di Mamun ndr)”.

English version

How did you decide to tell a story about rhythmic gymnastics?
"I used to be a rhythmic gymnast myself and this sport is a part of my identity. From my passion came out the idea of making the film. There are dreams, art, sacrifices, self-fight and hard work in gymnastics. In Over the Limit the stake is the highest – Rita is going for an Olympic Gold. This is like the story of one’s entire life."

What was the hardest thing you had to tell?
"The illness of Rita’s father. I respected family’s intimacy and tried to tell it in the most subtele way."

A movie without censorship, where from the trailer, seem to emerge some “hard” sides of this sport: the discipline, the great sacrifices, the strong character of Irina Viner. A movie without filters. What reaction did you have to attend to all this and what was the key to tell it in the best way?
"Irina Viner is the most clever coach to me. She knows how to approach each gymnast. The way she is in the film was the way Rita needed to be trained. I respected her and she respected me. There wasn’t any cenzorship, we trusted each other. I am really happy that she liked the film. And she liked it because it’s real. These are her words."

Is there anything you wanted to tell, and you’re sorry you did not?
"Filmmaking is a long process. I’ve been working on this film for almost five years. During this time I had many ideas for the story, according to reality that was changing. In the end I don’t regret anything. I am glad that the film is complex and completed."

Do you think the movie will be distributed in theaters or on some on demand platforms like Netflix?
"There is a big chance for this kind of distribution, but nothing is settled yet, as we just had the World Premiere. Please follow our facebook page facebook.com/overthelimit.film, we will inform about every screening there."

What do you think about rhythmic gymnastics?

"I think it is a beautiful combination of art and sport, very feminine, meaning the need for subtelity and strengh. My film is about delicate and strong characters – Rita, Irina and Amina."

03/12/2017 22:21 · MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995... MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995 #383265
Avatar di Ettore
1072 post
Utente esperto
Ettore
Utente esperto (1072 post) Utente esperto

06/12/2017 14:16 · MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995... MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995 #383313
Avatar di Federico
294 post
Utente
Federico
Utente (294 post) Utente

per chi è iscritto a facebook ho visto questo video di Mamun, credo sia recentissimo!!!!
( l'ho trovato solo lì, scusate)

www.facebook.com/385725818152508/videos/1621001821291562/

06/12/2017 18:18 · MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995... MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995 #383320
Avatar di Nemo
1118 post
Utente esperto
Nemo
Utente esperto (1118 post) Utente esperto

Si, è un esibizione avvenuta durante un torneo che si è tenuto pochi giorni fa in Germania!!

09/12/2017 19:53 · MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995... MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995 #383365
Avatar di Beatrice
16501 post
Amministratore
Beatrice
Amministratore (16501 post) Amministratore

Ancora in forma!


Piace a: francesca_270202, ForzaYana05
23/12/2017 18:49 · MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995... MAMUN Margarita (RUS) 01/11/1995 #383587
Avatar di Ettore
1072 post
Utente esperto
Ettore
Utente esperto (1072 post) Utente esperto

www.bosco.ru/bosco-magazine/bm42/fashion...ita-br-valeriy-viola

dettaglio inutile: se qualcuna volesse prendere il vestito indossato da Margarita nella foto, ottimo per tutte le occasioni (direbbe mia nonna), viene via attorno ai 1800 €.


E' Italiano, ça va sans dire...
(il marito era proprio a suo agio durante le foto... se questa è la migliore, chissà le altre)

Per scrivere sul forum devi essere iscritto: fai il login oppure registrati!

Beatrice Vivaldi

itenfrderues