Attenzione: questo mese lo staff del sito è in vacanza! Il forum continuerà a funzionare ma risponderemo a eventuali richieste solo a fine mese.

Questo forum è soggetto a moderazione postuma dei messaggi, pertanto ogni utente si assume la responsabilità di quanto scrive. Lo staff ha la facoltà di rimuovere qualsiasi contenuto considerato inadatto. Per ulteriori informazioni: Regolamento del Forum

20°Anniversario del giudice Falcone e scorta

Cerca nel forum

23/05/2012 14:12 · 20°Anniversario del giudice Falcone e scorta... 20°Anniversario del giudice Falcone e scorta #278646
Avatar di Trilly
4951 post
Moderatore
Trilly
Moderatore (4951 post) Moderatore



Ogni sabato, o quasi, il giudice Giovanni Falcone rientra in aereo da Roma a Palermo. In stretto collegamento con il ministro guardasigilli, Claudio Martelli, Falcone prosegue il suo incessante lavoro, nonostante la bocciatura della sua candidatura a superprocuratore di Palermo, bocciatura decisiva, che finirà per isolarlo. E la solitudine, per chi lotta contro la mafia, equivale a una condanna a morte.
Lo disse il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e lo aveva ribadito proprio Falcone: quando un uomo dello Stato, un uomo che lotta contro la mafia, viene isolato, lasciato solo, ebbene, quello è il momento in cui diventa una vittima certa della mafia.

Quel sabato, il 23 maggio 1992, Falcone arriva all’aeroporto di Punta Raisi con un volo da Roma, sale su una Fiat Croma bianca in compagnia della moglie, Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e dell’autista che viene mandato sul sedile posteriore. È Falcone che vuole guidare, vuole arrivare a casa in fretta e riposare; guidare lo aiuta a scaricare la stanchezza e la tensione accumulate. Ma a casa, Falcone non ci arriverà. Qualcuno sta osservando la scena del suo arrivo all’aeroporto. Vede anche le altre due auto di scorta del giudice.
Partono: davanti una Fiat Croma, colore marrone, con tre agenti di scorta. In mezzo, l’auto del magistrato, ancora una Croma, bianca. In coda, la terza auto. In genere, dopo la partenza, le vetture si affiancano per impedire qualsiasi contatto tra il giudice e altri veicoli. Ma il pericolo non sono le auto, stavolta. Coloro i quali stanno seguendo la scena, sono pronti a mandare un messaggio a chi attende il passaggio delle tre vetture. Un tratto autostradale controllato dall’alto di una collinetta, all’altezza dello svincolo per Capaci.




In auto si discute della giornata politica, con l’imminente elezione del nuovo presidente della Repubblica, del caldo di un pomeriggio afoso, della bellezza del panorama siciliano, magari anche del giorno dopo. Il corteo non sa che su una strada laterale c’è chi segue con attenzione, da un’altra vettura, il viaggio verso Palermo di Falcone. Poi, il segnale per chi sta sulla collinetta. L’uomo che attende l’informazione si chiama Giovanni Brusca ed è lì su ordine di Totò Riina, il capo dei capi. Quando quel segnale atteso arriva, Brusca fa solo un gesto, preme un timer.
Esplode l’autostrada, 500 chili di tritolo che mandano la prima auto a 60 metri di distanza, mentre quella del giudice si ferma sotterrata dalla deflagrazione, sull’orlo del cratere creato da quello scoppio sentito anche a chilometri di distanza.
È una scena apocalittica quella che i soccorritori vedono quando arrivano sul posto, con frammenti di lamiere e pezzi di autostrada rinvenuti perfino a 500 metri di distanza.
Falcone, sua moglie e gli agenti vengono portati immediatamente in ospedale ma invano. Con Francesca Morvillo e Giovanni Falcone muoiono anche tre uomini della scorta, quelli della prima auto, scaraventata in aria neanche fosse una piuma.
L’attacco al cuore dello Stato non arriva stavolta per mano di frange politiche estreme, ma per opera della mafia che ha annusato e capito, come una belva feroce, l’isolamento di quel giudice, il nemico numero uno per gli affiliati mafiosi.
Fu proprio Giovanni Falcone, infatti, a trascinare in tribunale gli uomini delle cosche in tribunale, cinque anni prima, nel 1987, per quello che sarebbe passato alla storia come il “maxiprocesso”: 360 anni ai condannati, per 2.665 anni di carcere complessivo e 11 miliardi e mezzo di lire di multe.


UOMINI COME GIOVANNI FALCONE NON VANNO MAI DIMENTICATI, MA RICORDATI E FATTI CONOSCERE A TUTTE LE NUOVE GENERAZIONI, SONO UOMINI CHE HANNO DATO LA VITA PER LA GIUSTIZIA E MANTENERE VIVO IL LORO RICORDO E' NECESSARIO E DOVEROSO PER CONTINUARE A DARE UN SEGNO VIVO DI LOTTA CONTRO LA CRIMINALITA'

Per scrivere sul forum devi essere iscritto: fai il login oppure registrati!

Beatrice Vivaldi

itenfrderues