Questo forum è soggetto a moderazione postuma dei messaggi, pertanto ogni utente si assume la responsabilità di quanto scrive. Lo staff ha la facoltà di rimuovere qualsiasi contenuto considerato inadatto. Per ulteriori informazioni: Regolamento del Forum

AIUTO PER I COMPITI! Chiedi qui

Cerca nel forum

06/01/2010 13:16 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #173616
Avatar di Chia
765 post
Utente
Chia
Utente (765 post) Utente

Alla fine ho finito quel compito sugli alberi!!!!!!!!!!!!!!!!! Ce l'ho fatta![spoil:5edab3298b]Finalmente!!!!!!!!!!!!!!!!!![/spoil:5edab3298b]

02/03/2010 15:40 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #177993
Avatar di ALYNA
7027 post
Moderatore
ALYNA
Moderatore (7027 post) Moderatore

Ciao a tutti! La prof ci ha dettato questa poesia di Montale
Portami il girasole ch'io lo trapianti
nel mio terreno bruciato dal salino,
e mostri tutto il giorno agli azzurri specchianti
del cielo l'ansietà del suo volto giallino.

Tendono alla chiarità le cose oscure,
si esauriscono i corpi in un fluire
di tinte: queste in musiche. Svanire
è dunque la ventura delle venture.

Portami tu la pianta che conduce
dove sorgono bionde trasparenze
e vapora la vita quale essenza;
portami il girasole impazzito di luce.

E vuole che troviamo il significato del girasole!! Qualcuno ha qualche idea? :mrgreen:
Grazie a chi risponderà mi serve entro domani!

02/03/2010 15:56 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #177994
Avatar di Adriano
6038 post
Utente master
Adriano
Utente master (6038 post) Utente master

Alle prese coi correlativi oggettivi di Montale? :mrgreen:
Il girasole può essere visto come un simbolo di tutto ciò che il poeta non possiede e può solo chiedere all'anonimo "tu". Sono soprattutto le risposte e le veritò, che la tradizione per secoli ha chiesto ai poeti e che Montale, ora, sa di non possedere (come vedi in altre sue poesie). Il girasole simboleggia ciò che potrebbe far rifiorire il "terreno bruciato dal salino", che sarebbe il poeta stesso, e proiettarlo verso l'aperto del cielo, che per il Montale degli "Ossi di seppia" è spesso segno di distacco dalle cose umane: la "diniva indifferenza", che altrove si incarna nella nuvola e nel falco alto levato.
Il girasole sarebbe quindi un altro simbolo dell'anello che non tiene, della smagliatura nella rete, del varco che ci può condurre al di là della realtà, verso una salvezza che ci è negata nel mondo della quotidianità.

05/03/2010 13:41 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #178204
Avatar di ALYNA
7027 post
Moderatore
ALYNA
Moderatore (7027 post) Moderatore

Eccomi di nuovo a chiedere il vostro aiuto xD
La prof ci ha chiesto di portare per la prossima settimana delle poesie dedicate ai paesaggi... solo che su internet non ne tgrovo!!
Avete qualche idea??

05/03/2010 13:51 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #178205
Avatar di Adriano
6038 post
Utente master
Adriano
Utente master (6038 post) Utente master

Poesie espressamente composte su un determinato paesaggio? Vediamo...

05/03/2010 14:16 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #178211
Avatar di ALYNA
7027 post
Moderatore
ALYNA
Moderatore (7027 post) Moderatore

Si poesie che descrivano un paesaggio...

05/03/2010 14:22 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #178212
Avatar di mamoski
974 post
Utente esperto
mamoski
Utente esperto (974 post) Utente esperto

RIO BO di Aldo Palazzeschi (studiata alle elementari)
Tre casettine
dai tetti aguzzi,
un verde praticello,
un esiguo ruscello: rio Bo,
un vigile cipresso.
Microscopico paese, è vero,
paese da nulla, ma però...
c'è sempre disopra una stella,
una grande, magnifica stella,
che a un dipresso...
occhieggia con la punta del cipresso
di rio Bo.
Una stella innamorata?
Chi sa
se nemmeno ce l'ha
una grande città.

05/03/2010 14:29 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #178213
Avatar di mamoski
974 post
Utente esperto
mamoski
Utente esperto (974 post) Utente esperto

ih ih,questa è perfetta per te :mrgreen:
TOSCANA di Adriano Veldorale (non lo c onosco)

Vidi danzare inarcarsi ondeggiando,
verdi spighe, tappeto di valle
parve quasi sentire i sospiri
del ventre terrestre.
Rincorrersi di onde
fra i tuoi seni verde smeraldo.
Per corona giostra d'impettiti cipressi,
come colonne reggenti il celeste.
Mia sposa Toscana,
lacrima non ressi.
:mrgreen:
comunque a questo link ne trovi un sacco
www.poesieracconti.it/poesie/paesaggi/tutte_le_opere
solo che non sono certo famose,non credo la tua prof le accetti

05/03/2010 15:14 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #178226
Avatar di ALYNA
7027 post
Moderatore
ALYNA
Moderatore (7027 post) Moderatore

Grazie mamoski! :D Anche io avevo trovato quel sito ma non sono di poeti famosi e la prof penso che non le accetti... -.-"
Comunque se ne trovate altre continuate a postarle, almeno ho più scelta... anche perchè posso portarne più di una! :wink:

05/03/2010 19:23 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #178243
Avatar di mamoski
974 post
Utente esperto
mamoski
Utente esperto (974 post) Utente esperto

ROMAGNA di Giovanni Pascoli
Sempre un villaggio, sempre una campagna
mi ride al cuore (o piange), Severino:
il paese ove, andando, ci accompagna
l'azzurra vision di San Marino:

sempre mi torna al cuore il mio paese
cui regnarono Guidi e Malatesta,
cui tenne pure il Passator cortese,
re della strada, re della foresta.

La' nelle stoppie dove singhiozzando
va la tacchina con l'altrui covata,
presso gli stagni lustreggianti, quando
lenta vi guazza l'anatra iridata,

oh! fossi io teco; e perderci nel verde,
e di tra gli olmi, nido alle ghiandaie,
gettarco l'urlo che lungi si perde
dentro il meridiano ozio dell'aie;

mentre il villano pone dalle spalle
gobbe la ronca e afferra la scodella,
e 'l bue rimina nelle opache stalle
la sua laboriosa lupinella.

Da' borghi sparsi le campane in tanto
si rincorron coi lor gridi argentini:
chiamano al rezzo, alla quiete, al santo
desco fiorito d'occhi di bambini.

Gia' m'accoglieva in quelle ore bruciate
sotto l'ombrello di trine una mimosa,
che fioria la mia casa ai di' d'estate
co' suoi pennacchi di color di rosa;

e s'abbracciava per lo sgretoalto
muro un folto rosaio a un gelsomino;
guardava il tutto un pioppo alto e slanciato,
chiassoso a giorni come un birichino.

Era il mio nido: dove immobilmente,
io galoppava con Guidon Selvaggio
e con Astolfo; o mi vedea presente
l'imperatore nell'eremitaggio.

E mentre aereo mi poneva in via
con l'ippogrifo pel sognato alone,
o risonava nella stanza mia
muta il dettare di Napoleone;

udia tra i fieni allor falciati
de' grilli il verso che perpetuo trema,
udiva dalle rane dei fossati
un lungo interminabile poema.

E lunghi, e interminati, erano quelli
ch'io meditai, mirabili a sognare:
stormir di frondi, cinguettio d'uccelli,
riso di donne, strepito di mare.

Ma da quel nido, rondini tardive,
tutti tutti migrammo un giorno nero;
io, la mia patria or e' dove si vive;
gli altri son poco lungi; in cimitero.

Cosi' piu' non verro' per la calura
tra que' tuoi polverosi biancospini,
ch'io non ritrovi nella mia verzura
del cuculo ozioso i piccolini,

Romagna solatia, dolce paese,
cui regnarono Guidi e Malatesta;
cui tenne pure il Passator cortese,
re della strada, re della foresta.

(Giovanni Pascoli)

[spoil:4b2283682c]se poi devi fare anche l'analisi:


La poesia si compone di 15 quartine di versi endecasillabi (11) in rima alternata (ABAB).

E' una delle poesie piu' serene del Pascoli, nonostante alcuni accenni di tristezza dovuti ai ricordi dell'infanzia, che pero' in questi versi ne mostra il suo volto piu' gioioso e sereno prima della tempesta.
Il poeta, che si rivolge all'amico Severino, ricorda i momenti felici passati nella sua terra d'origine, a San Mauro, un paese immerso nella campagna, sormontato dal monte di San Marino che appare azzurro in lontananza.
Di questa Romagna, patria in passato delle potenti famiglie dei Guidi e dei Malatesta, ma anche del brigante detto il Passatore (all'anagrafe Stefano Pelloni, celebre brigante dell'Ottocento, passato alla storia con il nome di Passator Cortese: passatore perche' esercitava il mestiere di traghettatore su un fiume, cortese, perche' nelle leggende popolari i briganti finiscono spesso per diventare degli eroi gentili e altruisti, come Robin Hood), il poeta ricorda le scene campestri le grandi aie immerse nel sole d'estate, gli stagni d'acqua, con gli animali da cortile, i grilli e le rane che cantano in mezzo al profumo del fieno appena falciato, e poi i grandi olmi ombrosi che un tempo erano molto frequenti nelle nostre campagne.
Su questi alberi si arrampicavano i bambini e si chiamavano gridando nel gran silenzio del mezzogiorno assolato. Pascoli coglie proprio questo momento di quiete, quando i contadini smettono di lavorare e tornano per il pranzo e gli animali prendono un po' di riposo all'ombra delle stalle.
Le campane dei borghi vicini sembrano benedire allegramente questo momento di quiete e di intimita' familiare, con la tavola della casa, sacra come un altare, attorno alla quale si raccoglie tutta la famiglia. Che senso di pace intorno!
In quel nido tranquillo, all'ombra di una mimosa e di un pioppo, c'era la sua casa, tra fiori di gelsomino e di rosa.
Qui il Pascoli bambino viveva mille avventure fantastiche, suggeritegli dai libri che leggeva: e cosi' immaginava di vivere grandi avventure con i personaggi dell'Orlando furioso in groppa al mitico ippogrifo, il cavallo alato; oppure fantasticava sui grandi eroi conosciuti sui libri di storia, come Napoleone morente nell'esilio di S. Elena.

Due soli accenni tristi in questa atmosfera gioiosa: all'inizio quando dice che il ricordo gli "ride al cuore", cioe' gli procura un sentimento di gioia ma anche di pianto, e verso la fine, quando accenna a quel giorno nero della loro partenza, alla ricerca di una nuova casa, lontano da San Mauro, spiegandone i motivi nella bella metafora del verso "ch'io non ritrovi nella mia verzura del cuculo ozioso i piccolini" dove, alludendo all'abitudine del cuculo di deporre le uova nel nido di altri uccelli e nel buttar fuori dal nido gli altri piccoli quando il proprio pulcino e' nato, altro non e' che quello che e' accaduto alla sua famiglia, dove il nido rappresenta la loro casa di San Mauro e il cuculo colui che ha ucciso il padre e ha preso il posto come amministratore.

.
Poi la poesia si chiude col ritornello della prima strofa, che riporta il clima di solare dolcezza che caratterizza questi versi[/spoil:4b2283682c][/spoil]

05/03/2010 19:48 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #178247
Avatar di mamoski
974 post
Utente esperto
mamoski
Utente esperto (974 post) Utente esperto

SERA DI GAVINANA di VINCANZO Cardarelli
Ecco la sera e spiove
sul toscano Appennino.

Con lo scender che fa le nubi a valle,
prese a lembi qua e là
come ragne fra gli alberi intricate,
si colorano i monti di viola.
Dolce vagare allora
per chi s'affanna il giorno
ed in se stesso, incredulo, si torce.
Viene dai borghi, qui sotto, in faccende,
un vociar lieto e folto in cui si sente
il giorno che declina
e il riposo imminente.
Vi si mischia il pulsare, il batter secco
ed alto del camion sullo stradone
bianco che varca i monti.
E tutto quanto a sera,
grilli, campane, fonti,
fa concerto e preghiera,
trema nell'aria sgombra.
Ma come più rifulge,
nell'ora che non ha un'altra luce,
il manto dei tuoi fianchi ampi, Appennino.
Sui tuoi prati che salgono a gironi,
questo liquido verde, che rispunta
fra gl'inganni del sole ad ogni acquata,
al vento trascolora, e mi rapisce,
per l'inquieto cammino,
sì che teneramente fa star muta
l'anima vagabonda.

05/03/2010 20:56 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #178258
Avatar di elisah
1445 post
Utente master
elisah
Utente master (1445 post) Utente master

NOn so se vada bene
A ZACINTO di Ugo Foscolo

Né più mai toccherò le sacre sponde
ove il mio corpo fanciulletto giacque,
Zacinto mia, che te specchi nell'onde
del greco mar da cui vergine nacque


Venere, e fea quelle isole feconde
col suo primo sorriso, onde non tacque
le tue limpide nubi e le tue fronde
l'inclito verso di colui che l'acque


cantò fatali, ed il diverso esiglio
per cui bello di fama e di sventura
baciò la sua petrosa Itaca Ulisse.


Tu non altro che il canto avrai del figlio,
o materna mia terra; a noi prescrisse
il fato illacrimata sepoltura.

06/03/2010 13:09 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #178275
Avatar di LaYleee
506 post
Utente
LaYleee
Utente (506 post) Utente

Qui ce ne sono un po! :ok:
www.poesieracconti.it/poesie/paesaggi

17/03/2010 13:46 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #179143
Avatar di ALYNA
7027 post
Moderatore
ALYNA
Moderatore (7027 post) Moderatore

Grazie a tutti per le poesie :D
Però adesso la prof chi ha divisi in gruppi, e io e il mio gruppo abbiamo scelto come tema la notte.
Avete delle poesie da suggerirmi che parlino del paesaggio notturno?!? Grazie in anticipo! :D

17/03/2010 14:23 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #179146
Avatar di mamoski
974 post
Utente esperto
mamoski
Utente esperto (974 post) Utente esperto

paesaggi notturni? ahi ahi,difficle :ehm:

17/03/2010 14:33 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #179148
Avatar di Fedeeee96
546 post
Utente
Fedeeee96
Utente (546 post) Utente

Io per ora ho trovato questa:
Notte

E' notte, e posso volare...
amo la notte per le ali che ci dona...
la notte ci trasforma, suggerisce frasi dolci ai nostri sensi, crea sogni
stupendi...
A me la notte ha portato te, e tu eri tutto ciò che io nemmeno potevo
immaginare di volere.
Di notte abbiamo parlato... alcune volte abbiamo sussurrato, perché certe
frasi fossero solo nostre.....
abbiamo aspettato l'alba, per lasciarci... perché tutti i sogni all'alba
svaniscono...
Ti ho immaginato tanto, prima di sapere che veramente esistevi... e la
notte ti vestiva di mistero, e di bellezza infinita nei miei pensieri...
La notte ha visto nascere parole svanite poi nei tuoi sogni...
ha dato voce al tuo cuore, che per ore mi ha parlato...
la notte ha dato luce alle stelle, a più di mille stelle che come occhi ci
guardarono.....
Io amo la notte.....
perché di notte ti ho amato, e tu hai amato me...
hai sussurrato il mio nome, ed io il tuo...
Amo la notte perché è fatta di sogni,
e tu sei il mio sogno...
Amo la notte perché è fatta di abbracci, di quegli abbracci che ancora sento
sulla mia pelle...
Di notte ogni amore brilla alla luce delle stelle,
come una lucciola mostra il suo splendore... per poi spegnersi all'alba...
La notte è fatta perché io mi perda nelle sensazioni, che solo i tuoi occhi
fatti di luce, possono darmi...
La notte è fatta per volare, e raggiungerti in un sogno... dove solo
tu... e le fate... avete dimora.

17/03/2010 14:35 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #179149
Avatar di Fedeeee96
546 post
Utente
Fedeeee96
Utente (546 post) Utente

La notte lava la mente

La notte lava la mente.

Poco dopo si è qui come sai bene,
file d'anime lungo la cornice,
chi pronto al balzo, chi quasi in catene.

Qualcuno sulla pagina del mare
traccia un segno di vita, figge un punto.
Raramente qualche gabbiano appare.

18/03/2010 14:26 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #179229
Avatar di ALYNA
7027 post
Moderatore
ALYNA
Moderatore (7027 post) Moderatore

Grazie ma adesso abbiamo scelto come argomento il temporale... e per domani dovrei fare il commento di questa poesia!!
[color=darkblue:e34ffbfdca]Temporale d'autunno
Il cielo a poco a poco s'è oscurato,
in lontananza già rimbomba il tuono
saette e lampi quasi squarcian l'aria,
uccelli a volteggiar più non ci sono.

Un vento strano all'improvviso arriva
con strani odori ed umide folate,
scuote le cime degli alberi ed infuria
contro le persiane già serrate.

Poi senti picchiettar le prime gocce
di sopra ai tetti e una finestra sbatte,
ancora un lampo, un tuon ravvicinato
ed apre il ciel le sue cataratte.

Fitta e scrosciante ora vien la pioggia,
odor di spenta polvere recando,
in mille rivoli corre per le strade,
sul selciato le sue bolle formando.

La gente allunga il passo, va al riparo,
apre gli ombrelli che il vento rivolta,
sotto le tende dei negozi aspetta
o stretta sul gradino di una porta.

Chi può raggiunge l'auto correndo,
c'è chi accetta un passaggio da chi passa,
chi copre il capo alzandosi la giacca
o il sacco della spesa buffo indossa.

Certo, per qualche ora è lo scompiglio,
ma più tardi sarà l'aria più pura,
gioirà la campagna e il nuovo verde
renderà più splendente la natura.[/color:e34ffbfdca]
C'è qualcuno che può individuare le figure retoriche, e tutto il resto?? Mi serve entro domani, e per ora ho trovato solo:
-rime
-assonanze e consonanze
-un chiasmo (strani odori ed umide foglie
-sinestesia (strani odori e umide foglie)

Potete aiutarmi?!? GRAZIE!!

18/03/2010 14:39 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #179233
Avatar di Adriano
6038 post
Utente master
Adriano
Utente master (6038 post) Utente master

Strani odori e umide foglie non è un chiasmo... aggettivo e sostantivo sono nella stessa posizione. Semmai, vento strano e strani odori sono un chiasmo :wink:
Aspetta/stretta = rima interna
Chi copre il capo = allitterazione della c.

Ma hai bisogno di trovare tutte queste cose? Il commento è sulla struttura della poesia o sul contenuto?

18/03/2010 14:56 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #179236
Avatar di ALYNA
7027 post
Moderatore
ALYNA
Moderatore (7027 post) Moderatore

E' su entrambe le cose :D

18/03/2010 15:16 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #179237
Avatar di ALYNA
7027 post
Moderatore
ALYNA
Moderatore (7027 post) Moderatore

MA mi smbra che non abbia un significato particolare... cioè descrive e basta il temporale no?

18/03/2010 15:20 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #179239
Avatar di Adriano
6038 post
Utente master
Adriano
Utente master (6038 post) Utente master

Non so chi sia l'autore, ma a occhio mi sembra una descrizione molto semplice di un temporale. Anche sul piano metrico non usa un verso fisso: spesso è un endecasillabo, ma non sempre... a volte ci sono solo 10 sillabe e l'ultimo verso di ogni strofa è diverso come metro.
Poi nessuno ti vieta di inventarti profondi significati filosofici, se proprio ne hai voglia... :mrgreen:

18/03/2010 15:22 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #179240
Avatar di ALYNA
7027 post
Moderatore
ALYNA
Moderatore (7027 post) Moderatore

Bhè rileggendola l'ho interpretata come "dopo il temporale splende sempre il sole"... Anche nella vita...
Cioè che dopo i momenti brutti, arriveranno sempre quelli belli... più o meno xD

27/03/2010 16:45 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #180168
Avatar di Fedeeee96
546 post
Utente
Fedeeee96
Utente (546 post) Utente

Vi volevo chiedere se qualcuno di voi era bravo in Inglese per vedere come torna a voi la traduzione di questo brano..


THE AMERICAN REVOLUTION.

[b:ebe6296a43]One hundred years after the Pilgrims reached America there were 13 colonies stretching from Maine in the North to Georgia in the South. These colonies each with a different organization, were independent units. Local autonomy was a feature of colonial life and each colony had its elected assembly, but with a governor appointed from London. This autonomy tented to encourage "americanization". Nevertheless, colonial freedom from english control was not achieved without conflict. The Americans became dissatisfied with the mother country because they werw not allowed to send rapresentatives to the British Parliament, which, however, exercised control in many colonial matters, such as defence, trade with Europe and so on. The colonies had to pay heavy taxes on imported goods and they were forced to trade only with England or the British Empire. As time went on, the colonies became more and more intolerant of the British presence in America and they began to unite in opposition to government from London. The old colonial system, (which was really the lack of a system), was obviously inadequate for the requirements of the situation.[/b:ebe6296a43]



.. a me torna così, ma credo di aver sbagliato qualcosa..

[size=18:ebe6296a43]LA RIVOLUZIONE AMERICANA.[/size:ebe6296a43]

Cento anni dopo che i pellegrini giunti in America ci sono stati 13 colonie dal Maine, nel nord della Georgia del sud. Queste colonie ciascuno con una diversa organizzazione, sono stati unità indipendenti. L'autonomia locale era una caratteristica della vita coloniale e ogni colonia aveva la sua assemblea eletta, ma con un governatore nominato da Londra. Questa autonomia tende a promuovere il "americanizzazione". Tuttavia, la libertà dal controllo coloniale inglese non è stato raggiunto senza conflitti. Gli americani, cresce l'insoddisfazione con la madre patria, perché non werw rapresentatives consentito di inviare al Parlamento britannico, che, invece, esercitava un controllo in materia coloniale molti, come la difesa, il commercio con l'Europa e così via. Le colonie dovevano pagare pesanti tasse sulle merci importate e sono stati costretti a trattare solo con l'Inghilterra o l'impero britannico. Col passare del tempo, le colonie divenne sempre più insofferente della presenza britannica in America e hanno cominciato a unire in opposizione al governo di Londra. Il sistema coloniale, (che era veramente la mancanza di un sistema), era ovviamente insufficiente per le esigenze della situazione..


AIUTATEMIIIIIIIIII! :!: :!: sono un po' impacciataaaa :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

27/03/2010 16:48 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #180170
Avatar di Fedeeee96
546 post
Utente
Fedeeee96
Utente (546 post) Utente

[font=Comic Sans MS:57921731d6][size=24:57921731d6][color=red:57921731d6]GRAZIE 1000 IN ANTICIPOOOO! [/color:57921731d6][/size:57921731d6][/font:57921731d6] :angelo: :angelo:

27/03/2010 17:35 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #180179
Avatar di alessandra
379 post
Utente
alessandra
Utente (379 post) Utente

"Fedeeee96" ha scritto: Vi volevo chiedere se qualcuno di voi era bravo in Inglese per vedere come torna a voi la traduzione di questo brano..

[size=18:58730309d3]LA RIVOLUZIONE AMERICANA.[/size:58730309d3]

Cento anni dopo che i pellegrini [b:58730309d3]giunsero[/b:58730309d3] in America [b:58730309d3]c'erano[/b:58730309d3] 13 colonie dal Maine, nel nord della Georgia del sud. Queste colonie ciascun[b:58730309d3]a[/b:58730309d3] con una diversa organizzazione, [b:58730309d3]erano[/b:58730309d3] unità indipendenti. L'autonomia locale era una caratteristica della vita coloniale e ogni colonia aveva la sua assemblea eletta, ma con un governatore nominato da Londra. Questa autonomia tende[b:58730309d3]va[/b:58730309d3] a promuovere l "americanizzazione". Tuttavia, la libertà dal controllo coloniale inglese non è stata raggiunt[b:58730309d3]a[/b:58730309d3] senza conflitti. Gli americani, [b:58730309d3]diventarono insoddisfatti[/b:58730309d3] con[b:58730309d3]([/b:58730309d3]meglio verso/nei confronti di...[b:58730309d3])[/b:58730309d3] la madre patria, perché non [b:58730309d3]erano autorizzati a[/b:58730309d3] inviare [b:58730309d3]rappresentanti[/b:58730309d3] al Parlamento britannico, che, invece, esercitava un controllo [b:58730309d3]in molte questioni coloniali[/b:58730309d3], come la difesa, il commercio con l'Europa e così via. Le colonie dovevano pagare pesanti tasse sulle merci importate e[b:58730309d3] furono [/b:58730309d3][b:58730309d3]costrette a [/b:58730309d3] trattare solo con l'Inghilterra o l'impero britannico. Col passare del tempo, le colonie [b:58730309d3]diventarono[/b:58730309d3] sempre più insofferent[b:58730309d3]i[/b:58730309d3] [b:58730309d3]a[/b:58730309d3]lla presenza britannica in America e [b:58730309d3]cominciarono[/b:58730309d3] a unire in opposizione al governo di Londra. Il sistema coloniale, (che era veramente la mancanza di un sistema), era ovviamente insufficiente per le esigenze della situazione...



ho corretto in grassetto gli errori...
..spero di non aver tralasciato o sbagliato niente e di esserti stata d'aiuto :D

27/03/2010 17:47 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #180183
Avatar di Fedeeee96
546 post
Utente
Fedeeee96
Utente (546 post) Utente

[color=cyan:6409b96d4b][size=24:6409b96d4b]GRAZIE 1000 ALESSANDRAA![/size:6409b96d4b][/color:6409b96d4b]

31/03/2010 14:24 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #180615
Avatar di paolaginnasta
3868 post
Aiuto-moderatore
paolaginnasta
Aiuto-moderatore (3868 post) Aiuto-moderatore

come si fa a trasformare un risultato in potenza??
per esempio il numero 486 come si fa a trasormarlo in potenza??
grazie

31/03/2010 14:32 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #180621
Avatar di stellabella17
63 post
Frequentatore
stellabella17
Frequentatore (63 post) Frequentatore

o fai la radice e poi metti alla seconda, oppure lo fai in notazione scientifica...
cioé, tipo:
486 ---> metti la virgola dopo il 4 e poi fai per 10 elevato a 2.. Inpratica 4x10 elevato a 2

31/03/2010 14:34 · AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui... AIUTO PER I COMPITI!Chiedi qui #180622
Avatar di stellabella17
63 post
Frequentatore
stellabella17
Frequentatore (63 post) Frequentatore

spero intendevi quello e spero ti sia d'aiuto. :)
buona mete :D

Per scrivere sul forum devi essere iscritto: fai il login oppure registrati!

Beatrice Vivaldi

itenfrderues