Attenzione: questo mese lo staff del sito è in vacanza! Il forum continuerà a funzionare ma risponderemo a eventuali richieste solo a fine mese.

Questo forum è soggetto a moderazione postuma dei messaggi, pertanto ogni utente si assume la responsabilità di quanto scrive. Lo staff ha la facoltà di rimuovere qualsiasi contenuto considerato inadatto. Per ulteriori informazioni: Regolamento del Forum

OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato!

Cerca nel forum

16/10/2008 21:02 · OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato!... OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato! #108433
Avatar di Trilly
4951 post
Moderatore
Trilly
Moderatore (4951 post) Moderatore

[color=brown:01352f0529][size=12:01352f0529]Ho trovato questo articolo cosa ne pensate?

Per buona parte vita di ognuna, è la persona più importante del mondo.
La mamma non ha eguali nell'esistenza di una figlia, è il rapporto più stretto, il legame più intenso che viviamo, almeno fino a quando non diventiamo madri noi stesse. E comunque per tutta la vita rimarrà uno dei rapporti più intensi e allo stesso tempo più complessi, fondamentale per entrambe.
Ma come tutte ben sapete, è anche la donna con cui probabilmente si avranno più conflitti, più scontri, più incomprensioni, ma perché?
Com'è possibile che la persona più rilevante della vostra vita diventi anche la più ostile?

Partendo dal presupposto che tutti i bambini attraversano una fase di incondizionata dipendenza, di simbiosi con la madre, succede che il rapporto con la figlia femmina diventi totalizzante. Questo perché, mentre ci si aspetta che il maschio sia 'diverso' dalla mamma, la femmina è più simile, proprio in quanto donna. Ed ecco che inconsciamente nella madre scatta quel meccanismo per cui si riflette nella vita della figlia, rivivendo la sua giovinezza attraverso lei, desiderando che raggiunga gli obbiettivi prefissati.
Diventa difficile, se non impossibile, separarsene, accettare che la figlia cresca, diventi una persona diversa. Contemporaneamente succede che le figlie, sovraccaricate di queste aspettative, prendano proprio la strada contraria, esattamente per affermare la loro personalità.
E allora, se vostra madre ha sempre desiderato che studiaste ingegneria, probabilmente deciderete di studiare lettere.
Se vostra madre è una fan del ricamo, voi probabilmente vorrete suonare la chitarra elettrica. Pensate a Lorelai di 'Una mamma per amica': il suo rapporto con la figlia è strano, in quanto a volte Rory è quasi la più saggia della due. Ma è il legame con sua madre Emily a riflettere pienamente un contrasto generazionale mai risolto: una è snob, sofisticata fino all'eccesso e attenta all'apparenza. L'altra mangia hamburger, fa battutacce da camionista, non ha peli sulla lingua: due donne agli antipodi!

Insomma, in età adolescenziale, le figlie cominciano a distinguersi, a plasmare il loro carattere, i loro gusti, a fare delle scelte: è come dichiarare a pieni polmoni 'io non sono te! Io sono diversa'. Purtroppo si arriva spesso ad eccessi, tipici dell'età adolescenziale, a momenti in cui le figlie sentono di odiare la madre e la rifiutano con tutte le loro forze.
E spesso le madri non sanno come comportarsi di fronte ad un tale muro, ad una tale ostilità. Ci sono tantissimi tipi di rapporti madre/figlia, tutti con moltissime sfaccettature. Ci sono fasi in cui il dialogo è inesistente, momenti in cui ci si punzecchia in continuazione, periodi in cui si è migliori amiche. Per esempio, perché ci sono madri e figlie che hanno continui battibecchi?

Come mai ogni minima sfumatura diventa un motivo per bisticciare? Perché forse è l'unico modo per dialogare, è la necessità di confrontarsi e prendere le distanze. È un poco scontato dire che crescendo questo rapporto quasi sicuramente si aggiusterà, proprio in conseguenza al fatto che la 'figlia' ormai 'donna' avrà affermato la propria identità e si sarà differenziata da quella della madre, conquistando la 'libertà' di vivere come vuole.
Ma è proprio così che si risolverà.

Non esiste un manuale da leggere, né tanto meno rapporto-standard, ma tantissime e complicate relazioni, ognuna da valutare in modo a sé stante. Ma una serie di accorgimenti per il quieto vivere si possono prendere. Il problema è come interagire nel momento in cui il conflitto è al culmine.
È importantissimo che rimangano sempre aperti i canali di comunicazione, che significa anche scontrarsi, se questo è l'unico modo di dialogare. Ma prima di tutto cercate di ascoltare: non partite con giudizi a priori, riflettete su perché vostra madre pensa che quella cosa non vada fatta o quella persona non vada frequentata.
Di sicuro ci sono motivazioni, condivisibili o meno, che però nascono da ciò che vostra madre ritiene meglio per voi, non lo fa certo per rendervi la vita difficile! Valutate sempre e comunque la buona fede delle mamme.
C'è comunque un generazione che vi separa, costumi diversi, abitudini completamente cambiate, quindi non è necessario che siate d'accordo. È ovvio che a vostra madre la musica techno sembra solo un rumore assordante! Non pretendete che lei la ami, cercate però di farle capire perché piace a voi! Siate voi a chiedere a lei di ascoltarvi, anche se solo per chiarire un punto in cui già sapete che non sarete d'accordo. L'importante è comunicare che voi siete così.
E qui lo sforzo però va fatto anche da chi è mamma: se caricate le figlie di aspettative, non rimanete deluse quando lei sceglierà altre strade!
Le ragazze non sopportano di sentirsi sbagliate, ed è invece quello che spesso capita in questo tipo di rapporto. Lei è lei, voi siete voi. Due donne, due generazioni, due ruoli distinti!

Un buon passo in avanti potrebbe anche essere quello di rendere la madre partecipe di qualcosa che riguarda la vostra vita di figlia. Entrando un pochino nel vostro mondo al di fuori delle mura domestiche, la mamma potrebbe accettare di più il fatto che voi siete diverse da lei, ma non per questo imperfette. Ad esempio, se vostra madre non vuole che usciate con quel gruppo di amici perché pensa che siano dei buoni a nulla, provate a farglieli conoscere. Invitate qualche amico a casa, di modo che si abitui a vederlo, a conoscerlo e a capire che non è poi così malvagio. È ovvio che lei sarà sospettosa se voi le nascondete con chi uscite! Fate in modo che anche i vostri amici conquistino la sua fiducia. Infine, confidatevi con le amiche per capire quale è il loro rapporto con la madre: vi può aiutare ad avere altri punti di vista.[/size:01352f0529][/color:01352f0529]

17/10/2008 20:03 · OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato!... OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato! #108599
Avatar di mamoski
974 post
Utente esperto
mamoski
Utente esperto (974 post) Utente esperto

Interessante! In effetti fare la mamma è il "lavoro" più difficile e contemporaneamente il più bello!!
Ogni giorno ti accorgi di aver fatto un piccolo errore,che avresti potuto dire una cosa piuttosto che un'altra,che avresti potuto dare un consiglio diverso o non darlo affatto....si impara giorno per giorno,e la cosa più bella è accorgersi di non essere perfetti,di doversi accettare a vicenda con i propri difetti...e soprattutto imparare ad ammettere di averne,imparare a dire "ho sbagliato".
In fondo la perfezione è noiosa! Chi la vorrebbe una mamma o una figlia perfettina? :mrgreen:
Inoltre non bisogna mai confondere il ruolo della mamma con quella dell'amicona,.La mamma ,come un'amica,dev'essere sempre pronta ad ascoltarti,consigliarti e consolarti....ma anche essere autoritaria,se necessario,perchè ti deve insegnare ciò che è giusto e ciò che è sbagliato,nessuno può crescere sereno ed equilibrato senza regole.
Inoltre,guai a non lasciare alle figlie i propri spazi:ognuno ha diritto ad un suo piccolo mondo di segreti che vuole tenere tutto per sè,e una mamma questo lo deve capire ed accettare :wink:

30/10/2009 18:48 · OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato!... OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato! #162818
Avatar di mammaghine
20 post
Frequentatore
mammaghine
Frequentatore (20 post) Frequentatore

Si, davvero interessante questo brano e rispecchia esattamente quello che succede quasi quotidianamente tra me e la "piccola" ghine. Ci sono dei momenti in cui qualunque cosa io dica è sempre quella sbagliata (o almeno cosi' sembra) e le nostre discussioni si inaspriscono nei toni. Mi accorgo però che terminata la discussione Martina riflette sulle cose dette e dai suoi comportamenti capisco che le mie parole non sono state dimenticate :D

30/10/2009 20:33 · OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato!... OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato! #162841
Avatar di Kanaeva
516 post
Utente
Kanaeva
Utente (516 post) Utente

Anche se nono sono over 25 esprimo la mia opinione...è difficle il rapporto madre e figlia soparattutti nel periodo dell'adolescenza!!!Io qualche anno fa non andavo per niente d'accordo con la mia mamma!!! :nono: :nono:

30/10/2009 21:05 · OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato!... OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato! #162853
Avatar di kiky97
336 post
Utente
kiky97
Utente (336 post) Utente

:occhi: :occhi: sara perche anche caratterialmente sono ancora piccina ma con mia mamma vado daccordissimoooooo! :mrgreen:

30/10/2009 21:11 · OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato!... OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato! #162861
Avatar di Kanaeva
516 post
Utente
Kanaeva
Utente (516 post) Utente

Brava Kiki!!!

11/03/2010 10:32 · OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato!... OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato! #178595
Avatar di Eva3112
21 post
Frequentatore
Eva3112
Frequentatore (21 post) Frequentatore

ciao a tutte, vorrei chiedervi un consiglio: sono mamma di due bimbe che hanno da poco scoperto il meraviglioso mondo della ginnastica;ho praticato per tanti anni ginnastica artistica e poi ritmica a livello agonistico, gli ultimi anni ero nella squadra, quando ancora era composta da 6 ginnaste, eh ,eh.
Il mio mondo, la mia vita erano la ginnastica, non stavo mai ferma, studiavo sui mezzi, la mattina, la sera, tutto il resto del tempo lo trascorrevo in palestra.
Mentre ancora la praticavo insegnavo a bambine dai 4 ai 6 anni.
Tutto questo per dire che qualcosina ne capisco...
Le mie bimbe non le ho spinte io a praticare questo sport, ci sono arrivate da sole, ho insegnato loro solo le basi: capovolte avanti e indietro, saltelli.. così quando hanno iniziato a frequentare la palestra partendo dalla formativa, sono state subito notate.
Sto molto attenta a non, diciamo così, entrare in competizione con le loro insegnanti, ma se vedo che fanno un movimento sbagliato cerco di correggerle, perché so bene come sia difficile sistemare una postura errata togliere una cattiva abitudine, dicevamo noi.
La piccola (6 anni) vorrebbe che le venisse tutto subito e si stufa presto se qualcosa non le riesce, vabbè...
La grande (9 anni) è molto migliorata, si impegna, ma potrebbe fare meglio se solo ascoltasse i miei consigli, con un po' più di, come dire, umilà, ma forse non è il termine giusto, sono figlia anch'io e so bene che la mamma dice sempre scemenze... però anche mia madre faceva ginnastica (ai tempi di Andreina Gotta Sacco) e i suoi consigli (solo quelli di ginnastica, ovvio) li ascoltavo sempre!

Poi, ricordo che non perdevo occasione, quando stavo con le più grandi e più brave, di osservarle attentamente per provare poi elementi nuovi o fare meglio quelli che avevo imparato.

Come posso fare secondo voi a fare in modo che non mi vedano come mamma, ma come un'istruttrice a disposizione sempre mentre stira o passa l'aspirapolvere?

Scusate se mi sono dilungata, ma mi interessano soprattutto i pareri delle piccole, sicuramente sbaglio io in qualcosa...

11/03/2010 11:26 · OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato!... OVER 25 - Madre/figlia: un rapporto complicato! #178597
Avatar di kabaevafan
2552 post
Utente master
kabaevafan
Utente master (2552 post) Utente master

Ti vedranno sempre come mamma prima di tutto, ed è un bene secondo me...., poi crescendo apprezzeranno sempre più la tua esperienza e ti chiederanno anche consigli di ginnastica o ti sbirceranno e copieranno usandoti come modello senza chiedere troppo :wink:
Vedrai! Andrà tutto per il meglio :wink:

Per scrivere sul forum devi essere iscritto: fai il login oppure registrati!

Beatrice Vivaldi

itenfrderues