Quando le modifiche di un fan diventano realtà

Se nel 2016 era stato il body con le spalline "cadenti" di Soldatova a far maggior scalpore, quest'anno è un'altra russa a far parlare di sé: Dina Averina, che al Grand Prix di Thiais ha presentato un'innovativo body accademico con effetto decisamente nude. Tale body è stato in seguito modificato ma, grazie ad un'intervista, abbiamo scoperto che l'ideatrice delle modifiche non è stata una sarta...

Ma partiamo dalla prima apparizione del body al Grand Prix di Thiais. I commenti inizialmente sono stati tutt'altro che entusiasti: qualcuno lo riteneva troppo vuoto, addirittura volgare, altri ancora le vedevano poco adatto al carattere dell'esercizio. Anche Dina stessa sembrava non essere troppo a suo agio in questa tenuta, o forse le sue allenatrici non ne erano convinte; tant'è che nelle finali ha indossato il vecchio body nero ereditato da Mamun.

 

dina 1

 

Tale accademico è sparito per un po' fino al concorso generale degli Europei di Budapest, dove è riapparso arricchito di nuovi elementi e dettagli. Non è certo la prima volta che un body viene modernizzato o modificato (ne abbiamo ampiamente parlato in questo topic del forum), tuttavia quello che è strano è il processo con cui questo cambiamento è avvenuto.

 

dina 1

 

Dina Averina infatti ha affermato in un'intervista di aver trovato una foto ritoccata su internet, in cui un utente si era divertito a riempire il body con ulteriori particolari. Entusiasta della soluzione ha mostrato il risultato a Irina Viner, che ha approvato le modifiche. Per la prima volta nella storia della ritmica quindi il lavoro di quella che era probabilmente una fan è diventato realtà!

 

dina 1

 

Cosa ne pensate? Preferite la vecchia o la nuova versione? O il body continua a non piacervi? Commentate sul forum!

 

dina 1

0
0
0
s2smodern

Beatrice Vivaldi