itenfrderues
 
 

Fashion trends 2018

Come gli appassionati di moda con la fashion week, noi attendiamo con ansia le prime gare dell’anno per scoprire i nuovi trend e capire cosa proporranno le nostre influencer sulle pedane. Purtroppo qualcuno deve pur indirizzare le ginnaste lontano dalle cadute di stile, e questo sporco lavoro spetta a me: a quanto pare le vecchie abitudini sono dure a morire, anche se qualcuno mostra sprazzi di innovazione e stile.

Ci eravamo lasciati poco dopo i mondiali, con i trends del 2017; vediamo oggi cosa hanno portato in pedana le ginnaste russe nella passerella di casa, il Grand Prix di Mosca, che come di consueto ha inaugurato la stagione competitiva internazionale.

 

CARPE DIEM, si dice così vero? Allora qualcuno ricordi a Bravikova che anche le occasioni vanno prese al balzo, non solo gli attrezzi. Oramai, come è giusto che sia, le ginnaste cercano di avere body che rispecchino fino in fondo la musica utilizzata, interpretando dei veri e propri personaggi; sembra però che questa ginnasta non si sia “aggiornata”. Cara mia Bravikova, visto che hai una musica energica DANNATAMENTE anni ’80 (It's raining man, ndr), perché non fai un body che richiami la moda di quegli anni? Perché non una tutina fluo, magari con dei finti scalda muscoli e delle texture in perfetto stile 80s? Mi dispiace, ma hai perso così l’occasione di entrare nella cerchia delle “ginnaste innovatrici”. Sappi che chi ha riscoperto gli anni 80 con Stranger Things non tiferà per te.

Voto 4, rimandata alle prossime gare sperando in qualcosa di meglio! 

 

frange 

C’è però qualcuno che sembra aver riguardato un po' di film anni 80… di chi parlo? Ovviamente delle gemelle Averina e delle loro “mutande” sgambatissime! Penso che tutti abbiano notato quanto sono diventati visivamente sgambati i body delle gemelline (anche sul retro!); con un po' di tessuto color carne, per essere sempre "a norma", la sgambatura diventa un'ottima soluzione per allungare illusionisticamente le gambe. Mi chiedo fino a che punto si spingeranno… non vorrei essere costretta a eliminare le gare dalla "fascia protetta"!

Voto 6, ma effettuerò verifiche intermedie

frange

 

Parliamo ora delle arlecchinate di Dina Averina, visto che la campionessa mondiale in carica ha calcato la pedana di casa con due body a cui non manca di certo il colore. Sebbene a primo impatto il body della palla mi sia sembrato uscire dalla parata di Carnevale, con quei triangoli “a cresta di drago”, devo apprezzare la coerenza con la musica utilizzata: un brano del balletto Petruška, che ha per protagonista una marionetta che prende vita e riesce a provare sentimenti. Trovo decisamente bello il body del nastro, geometrico e ad effetto "vetrata", poiché la sarta è riuscita a creare una forma molto elegante nonostante la rigidità delle linee spezzate. Questo look avrebbe preso un bel 10 con lode se non fosse per uno scivolone che mi lascia un po’ sbigottita: il colore del nastro. Dina, avevi un arcobaleno di colori tra cui scegliere, essendo il tuo body un tripudio di tonalità, perché hai optato per un nastro ROSSO, l’unico colore che non è contemplato nella tua mise e che si scontra con la tonalità blu dominante peggio di un incidente in tangenziale?

 Voto 8+ per il body Petruska, voto 10- per quello geometrico (a cui toglierò il meno se sceglierà un altro nastro)

 

frange

 

A proposito di spettacoli e balletti, oltre a quello di Dina entrambe le gemelle ampliano il loro guardaroba con altri body che sembrano usciti direttamente da una pièce teatrale. Dina per il cerchio sceglie la musica del balletto Spartak, la storia di un gladiatore, e opta per un body che ricorda perfettamente un'armatura; mentre la sorella Arina, per il suo cerchio su La Bayadère, indossa un completo che ha tutta l'aria di essere un vestito orientale, del quale apprezzo molto la scelta cromatica ma non eccessivamente il taglio. Ma il mio preferito è sicuramente quello di Arina alle clavette, che deve aver fatto un viaggetto a casa della nonna per rubarle tutte le nappine dei tendaggi. Che nipote disgraziata! Tuttavia glielo concedo perché il look da Barbiere di Siviglia, con tanto di maniche in pizzo e ruches, è assolutamente perfetto per la musica.

 frange

 

Passiamo quindi a Soldatova, che sembra voler concorrere con le gemelle connazionali per quanto riguarda le innovazioni...ma non senza cadute di stile. Partiamo comunque con le cose belle: il body “magico” del cerchio. Innanzitutto GRAZIE per non essere caduta nella solita monotonia dei body per musiche spagnole ed aver cercato un approccio diverso; pur essendo a primo impatto molto semplice il body nasconde un segreto, che con un gesto molto passionale e TOCCANTE viene svelato. Magia! Dopo il body del cerchio di Dina, che la faceva diventare da cigno nero a cigno bianco, ecco un'altro body che si trasforma durante l'esercizio.

Voto 9+ per l'originalità, anche se il sottobody di una tonalità troppo chiara rispetto alla pelle mi rovina l'insieme. 

frange

 

Passiamo ora al tasto dolente: il body delle clavette. Possiamo considerare carini la parte inferiore e la spalla scoperta e facciamo fina che io non abbia visto le frangette sulla spalla; ma cosa succede nel mezzo?! Lasciando stare la tonalità di arancio che non le dona affatto, cosa è quella specie di alveare/gruviera sul davanti?

 Voto 5: Sasha puoi avere di meglio!

 

frange

 

Infine mi dispiace darvi questo triste annuncio ma, purtroppo, anche quest'anno non ci siamo liberati delle cose-che-penzolano. Frange e rilievi continuano a infestare body d'ogni sorta, che ci posso fare? Ad esempio sembra che Ekaterina Selezneva non sia ancora pronta ad abbandonare le frange e che voglia continuare a fare il tappeto ancora per un po’. La decorazione a frangette può apparire passabile durante i giri ma, appena la ginnasta si ferma per un equilibrio, l’effetto “giochino per gatti” è assicurato.

 

 

Non mancano inoltre colletti artistici e maniche originali: come il body bicolore di Dina Averina per le clavette, metà di velluto vinaccia e metà dorato, che ha una manica a sbuffo molto in stile cioccolatino. Oppure il body della palla di Soldatova, che ha un'escrescenza proprio in zona collo; io ci starei attenta!

Voto 6 a Selezneva per la poca innovazione, voto 7 a ciocco-Dina, voto 8 a Sasha che alla fine non dispiace.

 

frange

 

Per tirare le conclusioni di sicuro questo inizio anno russo è all'insegna dei body complessi, che richiamano sempre di più la musica e lo stile della coreografia, aiutando la ginnasta ad interpretarla. Tagli particolari, inserti originali e addirittura effetti scenici rendono ogni esercizio uno spettacolo teatrale a tutti gli effetti. Chissà se le altre nazioni seguiranno questo esempio? Staremo a vedere!

 

Alla prossima! 

frange 

Beatrice Vivaldi

itenfrderues