itenfrderues
 
 

Occhio al body

Siamo partiti da semplicissimi body monocolore ma siamo arrivati  lontano, probabilmente oltre ogni aspettativa. Chissà cosa direbbero le ginnaste di trent'anni fa vedendo i look delle campionesse attuali!
Nel tempo le regole sono diventate più morbide (pensate che un tempo erano vietati anche i colori oro e argento sui body!) e le sarte ne hanno approfittato per trovare soluzioni sempre più originali e creative. Gli esempi di body sui quali vengono rappresentati elementi figurati riconoscibili, o che imitano in tutto e per tutto degli abiti, sono ormai tanti; vediamone alcuni in particolare!

"Tutta mia la città..." probabilmente avevano in mente questa canzone le ginnaste che hanno scelto di rappresentare degli edifici sul proprio body. Dalla metropoli di Alexandra Merkulova fino alla patriottica scelta della squadra di San Pietroburgo, passando per la Tour Eiffel indossata come un gioiello dalle ginnaste francesi, il rimando "architettonico" garantisce un effetto sorpresa notevole.

figurati citta

 

Sarò che ci stiamo avvicinando ai giochi Olimpici di Tokyo, ma sembra che l'Asia vada di gran moda. Già in passato si sono viste decorazioni tipiche della tradizione orientale, come i dragoni indossati da Inna Zhukova; ora si è passati addirittura ai body che imitano i kimono, come quelli di Elisa Perez e Salomé Pazhava.

figurati citta

 

Oltre a quelli orientali le ginnaste hanno cercato di imitare svariati tipi di abiti: dal due pezzi gitano di Eleni Kelaiditi allo stile georgiano di Salomé Pazhava, dal body tipicamente austriaco di Caroline Weber fino al frizzante abitino con tanto di foulard di Maria Kadobina.

figurati citta

 

Oltre ai vestiti alcune ginnaste amano talmente tanto i blue jeans da non riuscire a seprarsene nemmeno sulla pedana.... che siano abitini, salopette o pantaloni, di sicuro si fanno notare! Qui vi portiamo l'esempio di Elisa Perez, Anna Sokolova e Marina Fernandez.

figurati citta

 

È sempre bene "guardarsi le spalle": in effetti alcune ginnaste hanno preso questo motto alla lettera e hanno aperto un vero e proprio occhio sul retro del proprio body. La squadra russa è stata il vero precursore di questo dettaglio, riportato in auge da Ksenya Moustafaeva e Alexandra Semenova. "Chi di spada ferisce"... che sia un monito alla giuria? Sembra che Dina Averina e, ancora una volta, Salomé Pazhava non abbiano problemi a minacciare velatamente anche le giudici più spietate.

figurati citta

 

Non solo gli occhi, ma tutta la figura umana è diventata molto presente nei body: dal volto scomposto sul body di Marina Fernandez fino ai ritratti sui body di Sara Llana e Katsyarina Halkina. Proprio quest'ultima unisce la moda del Giappone a quella ritrattistica con la raffigurazione stilizzata di una donna giapponese, con tanto di ombrellino e monte Fuji sullo sfondo.

figurati citta

 

Negli ultimi anni le rappresentazioni sono diventate davvero originali e creative: troviamo così dei body con animali (qui Alexandra Soldatova e Carmel Kallemaa), la torta di compleanno (Natalia Garcia) e addirittura una tavolozza d'artista (Daria Svatkovskaya).

Cosa ne pensate di queste decorazioni così creative? Vi piacciono o preferite stili più sobri? Fateci sapere il vostro parere sul forum!

figurati citta

Beatrice Vivaldi

itenfrderues