Linoy, lo sguardo della tigre

Che il rapporto tra Linoy Ashram e la sua coreografa Ayelet Zussman sia speciale lo si capisce già dalle fotografie che le ritraggono pochi istanti prima di entrare in pedana. Vederle lavorare insieme in palestra ha confermato questa impressione: allieva e maestra si capiscono con un solo sguardo e la creazione delle nuove composizioni è un lavoro che fanno insieme, completandosi e ispirandosi a vicenda. L'allenamento è duro e Linoy non è di certo una che si risparmia, ma non mancano mai momenti di leggerezza in cui ridono insieme. 

Linoy, una vera tigre in pedana, nella realtà è una ragazza molto timida, umile e riservata, ma i suoi occhi sono sempre illuminati da una scintilla che fa presagire tutta l'energia che è capace di far esplodere in gara. Ho avuto il piacere di conoscerla e chiacchierare con lei in occasione dei workshop e del Torneo Internazionale di Udine, organizzato dall'Associazione Sportiva Udinese, durante il quale lei e Ayelet mi hanno parlato delle impressioni riguardo ai mondiali e dei loro piani per il futuro.

  • Linoy, nata il 13 maggio 1999 a Rishon LeZion, è allenata da Elena Kopylenko e dalla coreografa Ayelet Zussmann. Ha iniziato la sua carriera internazionale nel 2013 con la squadra junior israeliana, con la quale ha ottenuto il 4° posto nella finale degli Europei di Vienna. Nel 2014, tornata individualista, ha conquistato due bronzi nelle finali juniores di clavette e nastro agli Europei di Baku e nello stesso anno ha partecipato alle Olimpiadi Giovanili di Nanjing, classificandosi 5° nella gara vinta dalla russa Irina Annenkova. Diventata senior, nel 2015 Linoy ha contribuito con due esercizi al quarto posto ottenuto dalla squadra israeliana ai Mondiali di Stoccarda insieme alle compagne Rivkin e Filanovsky. Ma è nel 2016 che ha iniziato a mettersi in luce sulla scena internazionale: agli Europei di Holon ha ottenuto l'8° posto generale, inoltre ha conquistato le sue prime medaglie senior di specialità nei Grand Prix. Quest'anno è arrivata la consacrazione definitiva: dopo le medaglie di bronzo agli Europei di Budapest,  nelle finali di cerchio e nastro, e la terza posizione ai World Games di Breslavia,  dulcis in fundo ha conquistato altri due bronzi ai Campionati del Mondo di Pesaro, il primo nella finale al nastro e il secondo nella combattutissima finale individuale. 

    Ayelet Zussman è allenatrice e coreografa del club Hapoel Rishon LeZion, nonché membro dello staff nazionale israeliano. Ex ginnasta, ha lavorato tra le altre anche con le olimpioniche Irina RisensonNeta Rivkin e con le squadre junior e senior degli ultimi anni. Oggi si occupa quotidianamente della preparazione di Linoy ma segue e monta gli esercizi anche alle altre ginnaste del suo club. 

     

    linoy ashram 1

     

    Innanzitutto Linoy voglio dirti che in Italia ha un tantissimi fans, forse lo ha già percepito dal tifo ai Mondiali. Anche qui sul forum ci sono stati molti complimenti! Come ti sei sentita nel gareggiare a Pesaro?
    Linoy: Mi è piaciuto molto gareggiare a Pesaro perché tutto il pubblico era davvero eccitato, felice e disponibile verso di me, e questo mi ha dato la forza per combattere ancora di più.

    Sei partita il primo giorno con due esecuzioni davvero forti e convincenti; è stato difficile per te continuare a mantenere questo livello, magari hai sentito di più la pressione?
    Linoy: Mi piace molto gareggiare, quindi ogni giorno volevo solo fare meglio.

    Questa medaglia era probabilmente il tuo obiettivo di quest’anno. Quale è il prossimo, pensi già a Tokyo 2020?
    Linoy: Ovviamente il maggior obiettivo è Tokyo, però prima ci sono tantissime competizioni e tanto lavoro da fare, dobbiamo ad esempio creare nuovi esercizi che devono essere migliori dei precedenti…

    Cambierete tutti gli esercizi?
    Ayalet: Sì, anzi puoi dire ai suoi fans se hanno buone musiche da consigliarle di mandarcele, per favore (ridono). Linoy sta cercando nuove musiche, abbiamo solo qualche idea per ora. (Se qualcuno avesse qualche musica la può consigliare nel suo topic sul forum, le raccoglierò e le manderò direttamente a lei!)

    Quando create gli esercizi Linoy prende parte alla costruzione?
    Ayelet: Sì, tutto il tempo! È tutta un “guarda qui, guarda questo, magari così, perché non così?”… È divertente lavorare con lei, è una gran lavoratrice, per lei la ginnastica è tutto. Per me e per Elena Kopylenko (la sua head-coach) è davvero soddisfacente lavorare con lei. È anche molto dura e inflessibile, nel bene e nel male! (ridono) 

    Linoy, quale è il tuo attrezzo preferito? L'esercizio di quest’anno che prediligi?
    Linoy: Non ho un attrezzo preferito, posso dire tutti? Mentre l’esercizio di quest'anno che preferisco sono le clavette.

    Il pubblico italiano ha amato molto la sua musica delle clavette ("Don't stop me now" dei Queen). So che non è facile tagliare canzoni come quella, però secondo me e molti altri fan la vostra era proprio arrangiata bene!
    Ayelet: Sono davvero lieta di questo, perché mia sorella invece mi ha detto “Non puoi farlo, sono i Queen, non puoi tagliare una canzone come questa!" (ride).

    A proposito di musiche: anche Linoy partecipa alla scelta? 
    Ayelet: Sì certo, voglio farle farle qualcosa che le piace, ad esempio a volte lei dice che una parte è meglio rispetto a un'altra.

     

     

    Dopo Pesaro Linoy è riuscita a fare un po’ di vacanza?
    Ayelet: È rimasta in Italia con la sua famiglia per un po’ ma anche da quando è tornata in Israele è stata ancora un po’ come una vacanza per lei, perché non si allenava tutti i giorni. C’erano molti giornalisti che volevano intervistarla, molti show tv, riviste che la cercavano, quindi era davvero impegnata. Ora ci stiamo preparando per la Serie A e dopo dovrà andare un mese nell’esercito, in Israele c’è la leva obbligatoria dai 18 anni. Dovrà imparare anche a sparare, ti spediremo una foto di lei in divisa! (ridono). Dopo questo mese ne avrà uno di pausa, ma per i prossimi due anni dovrà comunque andare tutti i giorni con l’esercito, ad eccezione delle gare. Sarà sempre più difficile allenarsi, dovremo organizzarci.

    Linoy vive a casa con la sua famiglia? Ha fratelli o sorelle?
    Ayelet: Sì, vive con la sua famiglia, anche se torna a casa praticamente solo per dormire e studiare! Ha due sorelle e un fratello, nessun altro ginnasta però. 

    Quale è la tua giornata tipo?
    Linoy: Mi alleno di solito dalle 8:00 alle 20:00, con due ore di pausa nel mezzo. Al mattino si inizia con fisioterapia e alcuni esercizi in palestra (ad esempio con la Skiing Machines) poi c'è danza, riscaldamento e poi esercizi fino a sera. 

    È il primo anno che gareggi in Italia?
    Linoy: Sì, l’anno scorso alcune squadre mi avevano chiesta ma non sono potuta venire perché non ero ancora maggiorenne.

    Cosa ne pensi delle nostre ginnaste italiane, in particolare di Alexandra che sarà la tua compagna di squadra?
    Linoy: Mi piace molto perché trasmette emozioni e ha esercizi interessanti.

    Durante le gare sei riuscita a far amicizia con le altre ginnaste?
    Linoy: Sì, parliamo tra di noi, in particolare ho parlato con Alexandra negli ultimi mesi. Anche se per me è difficile perché parlano il russo, mentre io no! (Linoy conosce solamente alcune parole in russo, ndr)

    Ayelet, alleni altre ginnaste oltre a Linoy?
    Ayelet: Sì, alleno Linoy tutti i giorni ma anche altre ginnaste del nostro club Hoepel Rishon Lezion, alcune delle quali sono qui anche oggi per i workshop e le gare. Costruisco gli esercizi per molte ginnaste.

    E tu Linoy dopo la tua carriera da ginnasta pensi di allenare?
    Linoy: Penso che all’inizio resterò all’interno della ginnastica, non so se come allenatrice… ma per non ci penso, tutti i miei pensieri sono per Tokyo, dopo magari faremo un’altra intervista (ridono). 

    Sul forum si è parlato dei problemi interni alla Federazione Israeliana; queste difficoltà incidono anche sulla vostra preparazione?
    Ayelet: No, niente di questo è connesso a Linoy. Noi siamo in un’altra palestra, fissiamo i nostri obiettivi e la Federazione ci supporta per raggiungerli. 

    In questo periodo si sta parlando molto della ritmica maschile, cosa ne pensi?
    Linoy: Penso che sarebbe molto interessante avere anche i ragazzi nella ginnastica ma non ci ho mai pensato approfonditamente, non so se mi vedrei in pedana in una coppia mista.

    L'ultima domanda è per Ayelet: vediamo spesso fotografie di voi due prima di entrare in pedana davvero belle e intense. Cosa dici a Linoy in quei momenti? 
    Non le dico nulla. Aspetto che chiamino il suo nome e poi ci guardiamo negli occhi per acquisire più forza. Aspetto di vedere i suoi occhi di tigre e in quel momento so che è pronta per entrare in pedana. 

    Sono davvero contenta di avervi conosciute, vi porto il saluto di tutti i fan italiani!

     

  • It's very clear that the relationship between Linoy Ashram and her coach Ayelet Zussman is special, you can understand it just looking to their pictures of the few seconds before Linoy enters the carpet. Being able to watch them working together has been a pleasure, teacher and pupil understand each other with just a glimpse and they create Linoy's routines together, inspiring and completing each other.

    Linoy is a tiger on the carpet but in the real world she's a very shy girl, humble and reserved; but her eyes are always shining with the spark that foretells all the energy she is capable of realising on the carpet. I had the chance to have a chat with them at the International Tournament of Udine and the connected workshops (all these events have been organised and hosted by the Associazione Sportiva Udinese) where Linoy has competed and won the senior category right in front of the home gymnast Alexandra Agiurgiuculese.

    Linoy, born on May 13th 1999 in Rishon LeZion, is trained by Elena Kopylenko and by the choreographer Ayelet Zussmann. She started her international career in 2013 in the junior national group with whom she got 4th at the European Final in Vienna. In 2014 Linoy competes again individually and gets 2 bronze medals at the European finals in clubs and ribbon, and in the same year she competes at the Youth Olympic Games and gets 5th in the AA won by the Russian Irina Annenkova. Once senior, in 2015, Linoy has performed 2 routines at the World Championships in Stuttgart, contributing to the achievement of the 4th place with her teammates Rivkin and Filanovsky of the Israeli team. But it's from 2016 that she's started shining in the international scene: at the Holon European Championships she got the 8th AA and then she won her first medals in the apparatus finals at the Grand Prix. Her success arrived this season with some great results: 2 bronze medals at the Budapest European Championships in hoop and ribbon finals, 3rd place AA at the Breslavia World Games and eventually other two bronze medals at the recent World Championships, the first in the ribbon final and second and greatest in the AA Final.

    Ayelet Zussman is the coach and the choreographer of the club Hapoel Rishon LeZion as well as member of the Israeli National staff.
    Former gymnast, she has worked also with Irina Risenson and Neta Rivkin and with the junior and senior national group. Nowadays she mainly follows Linoy but also some other gymnasts of her clubs (choreographing their routines too).

     

    linoy ashram 1 

    Hi Linoy! First of all I want to let you know that you have lots of fans in Italy, maybe you felt them at the World Championships. Also in my forum there has been lots of congratulations for you! How did you feel competing in Pesaro?
    Linoy: I really liked competing in Pesaro, in Italy, because all the audience was very exited, happy and cheerful and gave me the strength to fight.

    You started the first day with 2 strong routines, was it hard to keep this level, did you feel more pressure?
    Linoy: I really like competing, so every day I wanted to compete better.

    This medal was probably your goal for this year. What is the next? Are you already thinking already to about Tokyo?
    Linoy: The main goal Is Tokyo but before there are a lot of competitions and a lot of work to do, we need to make up new routines that should be better than the last.

    Will you change all the Linoy's 4 routines?
    Ayelet: Yes. Tell her fans that if they have good music just send to us please (laughs) Linoy is looking for new musics, we have only some ideas for now.

    When do you create new routines, does Linoy take part in the process?
    Ayelet: Yes, all the time! It’s a “Look at this, look at that, maybe like this, why not like that”… It’s fun to work with her, she’s a hard worker, gymnastic for her is everything and for me and Elena Kopylenko (Linoy's head-coach, ndr) working with her is very satisfying. She’s also very tough, for good and for bad! (laughs)

    Italian fans liked very much her clubs music. I know that cut songs like this isn’t easy, so I want to tell you that your cut was arranged very well!
    Ayelet: I’m glad because my sisters told me “You can’t do it, it’s Queen, you can’t cut like that!” (laughs).

    Does Linoy take part in the choice of her music?
    Ayelet: yes of course, I want let her do something that she likes, for example sometimes she says that maybe this part is better than another.

     

     

    After Pesaro Linoy had some vacation?
    Ayelet: yes, she stayed in Italy with her family and then when she came to Israel it was like a vacation for her, because she didn’t work every day. There were lots of journalists that want to talk to her, tv shows, magazines, so she was very busy. Now we are training for the A serie and then she will join the army for 1 month, in Israel is mandatory since you are eighteen.She will also learn how to use guns, we will send you a picture of her in her uniform! After 1 month of rest for 2 years she has to go every day in the army except for the compitinons, so it will be more difficult to train, we need to manage that.

    Does Linoy lives with her family? Does she have brothers or sisters?
    Ayelet: Yes, she lives with her family, but she goes home only to sleep and to study. She has 2 sisters and 1 brother, but no more gymnasts in the family.

    How is your typical day?
    Linoy: I usually have training from 8:00 to 20:00, with 2 hours of break in the middle. In the morning I start with physiotherapy and some gym machines (like Skiing Machines), after ballet and warm-up, and then routines until the evening. 

    Is it the first time you compete in Italy?
    Linoy: Yes, last year some clubs proposed to me but I wasn’t eighteen.

    What do you think about Italian gymnasts, in particular Alexandra that will be your teammate?
    Linoy: I like her very much because her interpretation is full of emotions and she has interesting routines.

    Do you get to know the other gymnasts during the competitions?
    Linoy: Yes, we talk to each other, in particular with Alexandra in the last couple of months. But for me it’s very difficult because they all speak Russian, and I don’t! (She knows only few words in Russian, ndr)

    In my forum we've been discussing about your Federation issues, does this problems affect Linoy’s preparation?
    Ayelet. No, it’s nothing connected to Linoy. We are in another gym, we fix our goals and the Federation support us to get there.

    Ayelet do you train other gymnasts besides Linoy?
    Ayelet: I train Linoy every day but I work also in our club Hapoel Rishon LeZion, some of the gymnasts are here for the workshop and the competition. I make routines for a lot of gymnasts.

    Linoy, after your career do you think you will be a coach too?
    Linoy: At the beginning I think I’ll stay in the gymnastics field, I don’t know if as a coach. But for the moment I don’t really think about it, my all thoughts are about Tokyo, maybe after that we will make another interview!

    What do you think about Male RG?
    Linoy: I think it will be very interesting to have boys inside the gymnastics, but I never really thought about it, or about me in a mixed couple.

    The last question is for Ayelet: we often see photos of you two before entering the carpet, they are very beautiful and intense. What do you say to Linoy in that moments?
    Ayelet: I don't tell her anything, I wait until they call her name and then look each other in the eyes, to get more power. I just wait to see her tiger eyes and then I know she is ready to enter the carpet.

    I'm really happy about meeting you both and I want to bring you your Italians fans greetings!

linoy ashram 2

Linoy ritratta con Ayelet pochi istanti prima di entrare in pedana ai Mondiali di Pesaro, foto di Ulrich Faßbender

 

Beatrice Vivaldi

itenfrderues