Hot topics

    • Avatar di Beatrice
    • Squadra italiana ITA
    • Se fosse una partecipazione a Sanremo? Giuro che non lo so, sto ipotizzando, ma visto che Sanremo è tra poco potrebbe essere plausibile (Santandrea ha condiviso proprio oggi una storia con una canzone di Blanco) Ma magari mi sto facendo troppi viaggi mentali io :D
    • Avatar di Virgola
    • Camp. Serie A e B 2022
    • Una possibile risposta credo Alex la abbia data, quando le hanno chiesto se si allena alla San Giorgio, ha risposto: no, all'accademia di Desio. Aliprandi veste un doppio ruolo ma la sta allenando in qualità di responsabile nazionale delle individualiste, viene pagata per questo e quindi tra i suoi compiti credo ora vi sia allenare Alexandra e portarla più in alto possibile, indipendentemente da in quale squadra gareggerà in serie A.
    • Avatar di Ivga
    • Squadra russa RUS
    • In Russia esiste una classifica dei titoli sportivi, introdotta ai tempi dell'Unione Sovietica. Ai cittadini che si sono dedicati allo sport viene assegnato lo status di maestro. Questo dà loro il diritto a ricevere determinati benefici, indennità e altre misure di sostegno statale. Ci sono tre categorie: - Maestro dello sport della Federazione Russa; - Maestro dello sport di classe internazionale; - Onorato Maestro dello Sport della Federazione Russa (la categoria più alta)  Al raggiungimento del titolo di maestro dello sport, al cittadino viene rilasciato un apposito certificato. Questo documento gli dà il diritto di ricevere misure di sostegno statale. Le preferenze disponibili possono essere suddivise in tre tipi: - Benefici di natura sociale - Supporto finanziario - Vantaggi professionali   Benefici sociali per i maestri dello sport   A livello di legislazione federale sono fissati tre benefici, che vengono erogati ai cittadini con titolo di maestro dello sport e superiore. Questo: - Sconto su servizi comunali. La media regionale è del 50%. Ciò significa che un cittadino pagherà sempre solo la metà del costo maturato per i servizi comunali. Il resto sarà pagato dallo Stato. Il principio di funzionamento del beneficio: il pagamento viene effettuato a tariffa piena, dopodiché parte del denaro viene restituito al cittadino come pagamento separato. - Il diritto a ricevere cure mediche gratuite, compresi trattamenti e operazioni complesse, nonché protesi (ad eccezione dell'odontoiatria). - Erogazione annuale di un buono omaggio a un centro benessere. - Agevolazioni fiscali autoveicoli. Un cittadino è completamente esonerato dal pagamento della tassa per un veicolo la cui potenza del motore non superi i 150 CV.   Supporto finanziario ai maestri dello sport Così come nel caso delle prestazioni sociali, le prestazioni in denaro sono determinate a livello di legislazione regionale. Ogni cittadino impegnato in attività sportive a livello professionistico ha diritto a ricevere un compenso aggiuntivo al suo reddito principale.  Ci sono raccomandazioni a livello federale. L'importo consigliato di pagamento aggiuntivo ai guadagni dell'atleta dipende dalla sua categoria e dal suo grado: terzo grado - 15%; il secondo - 30%; il primo - 50%; il più alto grado- 70%; - Candidato a Maestro dello sport della Federazione Russa; Maestro dello sport della Federazione Russa; Maestro dello sport di classe internazionale; Onorato Maestro dello Sport della Federazione Russa - 100%.     L'importo della sovrattassa può essere calcolato come percentuale del reddito, oppure può avere un importo fisso.   Vantaggi professionali per i maestri dello sport   I cittadini con titolo di maestro dello sport, in ragione della loro attività professionale, possono: - accedere agli istituti di istruzione superiore per specialità specializzate (università) senza esami di ammissione e selezione competitiva; - ricevere una maggiorazione della borsa di studio statale durante la formazione; - ricevere camere gratuite in casa dello studente per la durata della formazione; - diventare allenatori nello sport in cui hanno merito, senza la necessità di ottenere prima una licenza specializzata; - diventare giudici nel loro sport.    Altri bonus Fornitura di alloggi per i maestri dello sport Se un cittadino con il titolo di maestro dello sport (e superiore) non ha un proprio alloggio, o la sua casa o appartamento non soddisfa i requisiti per la dimensione minima dello spazio abitativo, lo stato gli fornisce un appartamento. Pensione per maestri dello sport L'importo dei pagamenti aggiuntivi per i maestri dello sport alla pensione standard è fissato a livello di legislazione regionale.Ogni cittadino impegnato in attività sportive a livello professionistico ha diritto a ricevere un compenso aggiuntivo al suo pensione standard .
    • Avatar di kiarettavi
    • Codice dei Punteggi 2021-2024
    • come info vi dico che per ora non vengono organizzati corsi di formazione per nuovi giudici, si stanno solo aggiornando quelli già formati. I nuovi corsi di formazione verranno organizzati da circa aprile in poi (a seconda poi da comitato a comitato)
    • Avatar di Beatrice
    • PALAMARE CUP (Caorle - VE), 22-23 gennaio 2022
    • Era una delle mie ipotesi quando ho visto il nuovo codice: col nastro ora è relativamente più "facile" eseguire AD da 0,30 rispetto agli altri attrezzi. Penso che questo sia un bene! PS: MrMagoo anche il mio di papà, dopo oltre 5000 video, è giunto più o meno alla tua stessa conclusione :D
    • Avatar di Ludoxx
    • DRAGAS Tara (A.S.Udinese) 2007
    • www.instagram.com/tv/CZEjJKdI0il/?utm_medium=copy_link Stupendo questo nuovo esercizio. Vorrei troppo vederli interi :(
    • Avatar di Fabiola
    • Individualiste russe RUS
    • A me di Lala piacciono la parte atletica, l'energia pazzesca e il fatto che stia dimostrando che si possono fare grandi cose anche con una fisicità diversa da quella del modello russo a cui siamo abituati. A livello artistico però non riesco proprio a farmela piacere.

Discussioni recenti »

Dopo le notti passate in bianco per assistere alle imprese delle nostre beniamine alle Olimpiadi di Tokyo, il popolo della ritmica si prepara per un secondo round di caffé e sveglie a orari improbabili: quest'anno per i mondiali si torna ancora una volta al Giappone - a Kitakyushu - e al suo fuso orario.

La competizione, al via il 27 ottobre, prevede 3 giornate di gara per le individualiste e 2 per le squadre. Ma come funziona esattamente? Chi si qualifica, come e per cosa? Scopriamolo insieme!

Qualche giorno fa mi sono imbattuta in un articolo davvero interessante, che parlava della ginnastica e dei suoi effetti positivi nella vita reale. Ho voluto tradurlo e condividerlo in modo che possa essere di spunto e motivazione a non mollare, anche in questo periodo di palestre chiuse: perché la ginnastica (e lo sport in generale) sono soprattutto scuole di vita.

L'articolo, che trovate nella versione originale a questo link, si ispira a un progetto di ricerca della Harvard School of Education, pubblicato nel 2015 e intitolato "Perché i tuoi figli dovrebbe fare ginnastica se vuoi che sviluppino il tipo di carattere che li aiuterà ad avere successo a scuola". Nonostante il titolo lungo e complesso, il risultato della ricerca è stato semplice. Lo studio di oltre 4.000 giovani adulti nel Regno Unito ha scoperto che la caratteristica più importante per prevedere il successo di un bambino è la grinta. Proprio la grinta - o determinazione - ha avuto maggior influenza sul successo futuro dei bambini rispetto all'intelligenza generale o ai risultati degli esami. E quale posto migliore per imparare ad avere grinta che non il mondo dello sport?

Pochi giorni ci separano ormai dai prossimi Campionati del Mondo: dal 16 al 22 settembre le migliori atlete del mondo si affronteranno infatti a Baku, all’interno dell’imponente "National Gymnastic Arena". Dopo essere stata la sede di varie tappe di World Cup, dei Campionati Mondiali 2005 e di quelli Europei 2014 e 2019, la Capitale dell’ex Repubblica Sovietica si appresta ad ospitare nuovamente l’appuntamento iridato, un’ulteriore occasione per mettere in luce le sue grandi potenzialità sportivo-turistiche. Campionati che avranno un ruolo ancora più importante, considerato che saranno qualificanti ai Giochi di Tokyo 2020: le 5 migliori squadre (escludendo Russia, Bulgaria e Italia, già qualificatesi a Sofia 2018) otterranno il pass olimpico, così come le prime 16 classificate nell’All Around individuale. Ambasciatrice dell’evento sarà Yana Batyrshina, ex ginnasta sovietica, medaglia di bronzo ai Giochi di Atlanta nel 1996 e oggi famosa star televisiva.

Nonostante ai Giochi Olimpici di Tokyo manchino ancora due anni, tra poco più di un mese si inizierà già a respirare aria di Olimpiadi. I Mondiali di quest’anno, che si svolgeranno a Sofia dal 10 al 16 settembre, saranno infatti la prima tappa del percorso di qualificazione olimpica.

Per qualificarsi alle Olimpiadi di Rio le ginnaste avevano avuto solo due possibilità: i Mondiali di Stoccarda 2015 e il Test Event 2016. Per questa edizione invece le opportunità saranno molte di più e comprenderanno ben 4 criteri di qualificazione per le squadre e 5 per le individualiste, una buona soluzione per evitare che il sogno olimpico venga pregiudicato da una cattiva prestazione o da un infortunio.

Tuttavia se le nuove regole sembrano andare a favore delle ginnaste, purtroppo per il pubblico e gli appassionati seguire la qualificazione è diventato molto complicato: ecco quindi una piccola guida per capire insieme questo complesso percorso.

In Italia, nonostante il movimento sia in costante crescita, non sono molte le realtà in Italia che propongono corsi di ritmica per adulti. Eppure in altri sport, come il nuoto o l’atletica, è consueto parlare di categorie “master” e spesso le società fanno a gara per accaparrarsi il maggior numero di iscritti. Sebbene le gare federali non pongano limiti di età, difficilmente ginnaste di 20 anni o più si mettono a confronto in una gara Silver o Gold contro atlete sedicenni (inizio della categoria senior) e lo stesso discorso vale quasi sempre anche per il settore “Ginnastica per Tutti”, anche se questo richiede un minore livello tecnico. Solo con la Gymnaestrada (esercizio coreografico per grandi gruppi) e la Golden Age Gym (riservata agli over 40) è più comune incontrare ginnaste “senior”, anche se il fenomeno è più diffuso all’estero dove spesso si assiste ad esibizioni di atleti anche settantenni e ottantenni!

Il Giappone sta acquisendo un ruolo sempre maggiore nel panorama della ginnastica internazionale. Ogni anno qui viene organizzata l’Aeon Cup, competizione per club alla quale partecipano team provenienti da tutto il mondo, inoltre negli ultimi dieci anni il Paese ha ospitato un Campionato Mondiale di ritmica (Mie 2009) e uno di artistica (Tokyo 2011). Non dimentichiamo inoltre che attualmente il Presidente della Federazione Internazionale è di nazionalità nipponica: parliamo di Morinari Watanabe, che è in carica dal 2017. Se a livello di ginnastica artistica, quella maschile in particolare, il Giappone è una delle più forti Nazioni al mondo, il settore della ritmica può essere considerata sicuramente tra le scuole emergenti. Siamo certi che l’intero team lavorerà al meglio in vista del prossimo grande appuntamento: i Giochi Olimpici che ospiteranno proprio “in casa”, dal 24 luglio al 9 agosto 2020. Iniziamo ad entrare nell’atmosfera approfondendo alcuni aspetti della ginnastica ritmica giapponese!

Carpe diem. Forse è questa l’espressione che meglio descrive uno degli aspetti caratteristici della ginnastica ritmica: l'importanza dell'attimo. La ritmica non è solo grazia, eleganza e controllo del corpo, ma anche e soprattutto una disciplina estremamente esigente in termini di tenuta mentale: le ginnaste, così tranquille agli occhi dello spettatore, sono costrette a dare il meglio di sé in un lasso temporale molto limitato che non perdona errori. Un solo istante, un secondo di disattenzione ed ecco che tutti gli sforzi sono irrimediabilmente vanificati.

Sfortunatamente, nella storia della ritmica sono state molteplici le vittime di questo meccanismo: oggi parleremo proprio di quelle ginnaste che, in occasione della gara dei propri sogni, pur essendo talentuose e ben preparate, si sono dovute accontentare di una medaglia meno preziosa di quanto sperato o, ancora peggio, non hanno avuto la possibilità di salire sul podio a causa di un singolo, cruciale errore.

Dopo aver selezionato in questi mesi gli esercizi individuali che, per un motivo o per un altro, sono rimasti nella storia della ritmica, la rubrica “Focus on” propone oggi un numero speciale dedicato ai galà. Ci siamo infatti divertiti a scovare su YouTube i video delle esibizioni fuori gara, trovando alcune "chicche" davvero curiose ed interessanti.
I galà sono dei veri e propri spettacoli organizzati spesso in chiusura delle competizioni e sono interessanti in quanto rappresentano l’occasione per vedere all’opera le proprie beniamine in vesti diverse rispetto a quelle da gara. Se inizialmente infatti le ginnaste venivano chiamate a riproporre i propri esercizi, con il tempo il galà si è trasformato in un vero e proprio show, simile - per intenderci - a quello proposto a conclusione delle gare di pattinaggio artistico. 

body ritmica