itenfrderues
 

Esercizi nella storia: la palla

Continua il nostro viaggio nel mondo della ritmica attraverso la riproposizione di alcuni tra gli esercizi che sono rimasti nella memoria di questo sport. Dopo il cerchio e la fune protagonista di questo nuovo numero è la palla, generalmente il primo tra i piccoli attrezzi ad essere proposto alle bambine che si affacciano nel mondo della ritmica.

La palla, il cui utilizzo risulta conosciuto sin dai tempi di greci e romani, è un oggetto con cui ci si cimenta fin da piccolissimi e anche per questo motivo risulta particolarmente familiare e più semplice da maneggiare. Introdotta nelle competizioni a partire dai campionati Mondiali di Varna del 1969, la palla è un attrezzo congeniale per ginnaste particolarmente elastiche e sciolte e ben si presta a una moltitudine di movimenti come lanci, giri, palleggi e rotolamenti a terra e sulle diverse parti del corpo.

Ecco le dieci routine, scelte con difficoltà tra i numerosi capolavori che ginnaste di tutto il mondo hanno saputo creare negli anni, che ho deciso di “rispolverare”.

Olga Gontar (1994)

Iniziamo il nostro percorso dal lontano 1994: una talentuosa ginnasta bielorussa, Olga Gontar, esordisce come senior sulle pedane internazionali mostrando fin da subito, oltre a notevoli doti, una capacità espressiva da veterana. La sua è stata una carriera piuttosto breve: a soli sedici anni è stata infatti costretta a ritirarsi causa di infortunio alla schiena e successivamente ha iniziato a lavorare come modella.



Yana Batyrshina (1996)

Medaglia d'argento ai Giochi di Atlanta, Yana Batyrshina è stata una delle ginnaste più flessibili di quegli anni, precursore dello stile “Kabaeva” che da lì a poco si sarebbe affermata sulla scena internazionale. Particolarmente apprezzata dal pubblico per dinamismo ed espressività, era in grado di eseguire notevoli difficoltà, come dimostra questo esercizio fin dalla posa iniziale.


Elena Vitrichenko (1999)

Espressività ed eleganza, ineguagliabili doti di Elena Vitrichenko, sono le parole chiave per definire questa meravigliosa palla. Bronzo ad Atlanta proprio dietro a Batyrshina, la ginnasta ucraina si è sempre distinta dalle sue avversarie, soprattutto dalle atlete di scuola russa, grazie a una grande personalità ed a uno stile unico e inconfondibile che la fanno tuttora un’icona della ginnastica ritmica.



Yulia Barsoukova (2000)

Considerata un’eterna seconda dietro la connazionale Alina Kabaeva, Yulia raggiunge l’apice della carriera ottenendo l’oro olimpico a Sidney anche grazie a questa splendida palla, costruita ad hoc per lei sulle note de "Il cigno"di Joshua Bell. Dopo il ritiro dalle competizioni Yulia si è dedicata per alcuni anni al pattinaggio artistico per poi ritornare nel mondo della ritmica in veste di allenatrice.



Almudena Cid Tostado (2004)

Anche se siamo abituati a vederla protagonista di composizioni molto veloci e dinamiche, l’atleta spagnola Almudena CId Tostado ad Atene si è presentata con una palla molto romantica ed espressiva, rimasta famosa e riconoscibile in particolare per l’elemento finale. Molto apprezzata dal pubblico italiano, Almudena è per ora l’unica ginnasta al mondo ad aver preso parte a quattro finali olimpiche.



Inna Zhukova (2006)

Elementi puliti e curati in ogni minimo dettaglio compongono questa splendida palla, caratterizzata da riprese d’attrezzo originali e particolarmente difficili, come quella sul finale di esercizio. Come molte sue illustri colleghe Inna Zhukova, argento ai Giochi di Pechino, dopo essere diventata mamma è tornata a seguire la ritmica in veste di allenatrice.



Evgenia Kanaeva (2011)

In una mise elegantissima, Kanaeva in questo esercizio pare raccontarci una vera e propria storia, a tratti persino commovente. Grande professionista e instancabile lavoratrice, oggi è una delle atlete più titolate della storia della ginnastica ritmica, essendo pluri-campionessa mondiale ed europea nonché l'unica individualista ad aver vinto due volte l'oro olimpico. Smessi i panni da ginnasta dopo il trionfo ai Giochi di Londra anche Eugenia ha iniziato a dedicarsi all’insegnamento.



Son Yeon Jae (2012)

Son Yeon Jae, classe 1994, si è riuscita a ritagliare un posto di pregio nel panorama della ritmica internazionale. Quinta a Londra e quarta a Rio, l’atleta sudcoreana ha saputo imporsi sulle pedane di tutto il mondo grazie anche ad esecuzioni innovative ed impeccabili come quella che vi proponiamo, in cui la colonna sonora di “Limeligh” di Charlie Champlin fa da scenario a pivot perfetti e originali riprese di attrezzo.


Yana Kudryavtseva (2013)

Sono più di 500.000 le visualizzazioni raggiunte da questo video che propone una giovane Yana Kudryavtseva in una delle sue più famose performance. In questa routine sulle note di Chopin l’atleta russa, argento olimpico a Rio 2016, si cimenta in una successione di notevoli difficoltà corporee e soluzioni originali di utilizzo dell’attrezzo al limite del possibile. Incredibili le rotazioni della palla sul dito della mano durante un rovesciamento, elemento oggi imitato e riproposto da moltissime ginnaste. Yana, dopo la sua spettacolare e precoce escalation di successi, ha concluso prematuramente la sua carriera dopo le Olimpiadi anche a causa dell'infortunio che l'ha afflitta fin dall'estate 2015. 



Alexandra Agiurgiuculese (2017)

Nonostante la giovane età Alexandra ha già infranto molti record e, ad oggi, è l’individualista italiana più titolata a livello internazionale di sempre. Alla recente edizione dei Campionati del Mondo di Pesaro, in cui si è classificata al settimo posto, ha proposto una commovente esecuzione alla palla sulle note di “Hallelujah”. Un esercizio ricco di passaggi originali e rischiosi, destinato a rimanere nella memoria di tutti i suoi fan, italiani e non.



Come sempre con questa raccolta non intendo certo affermare che questi esercizi siano migliori di altri: ho solo cercato di sceglierne alcuni tra i più rappresentativi, quelli che hanno messo in luce l’evoluzione del lavoro con l’attrezzo o sono rimasti nella memoria dei fan per passaggi particolari.

E voi quale preferite tra quelli che vi ho proposto? Ne avete uno in particolare, diverso da questi, che vi è rimasto nel cuore e non smettereste mai di riguardare? Rispondete votando e commentando nel sondaggio sul forum!

0
0
0
s2smodern

Beatrice Vivaldi

itenfrderues